Mestre, 200x

Mestre, 200x

Cinque e mezza, esco dal palazzone. Goccioline di sangue sul marciapiede mi guidano a una siringa. Alla fermata noto una macchina col finestrino rattoppato dal nastro adesivo. L’asfalto è dissestato da una ventina d’anni. Dal boschetto alle mie spalle proviene un fruscìo, è un tossico accovacciato nell’aiuola coi pantaloni calati. «Minchia frateeeee» geme. Segue zbrof

Continua a leggere …

Un regista italiano prende il Pentothal e rilascia un’intervista

Un regista italiano prende il Pentothal e rilascia un’intervista

«Maestro, buongiorno» dice il giornalista. L’uomo guarda fuori e non risponde. Il giornalista si avvicina, tira fuori dalla tasca una siringa e inietta il contenuto nel braccio del regista. Quello sobbalza: «Ma che fa?!» «Scusi, ho tempi stretti.» «Cos’ha fatto?! Cosa mi ha iniettato!? È pazzo!» dice l’uomo scattando in piedi. Barcolla. «Si metta comodo, maestro,

Continua a leggere …