Sulla strada della dannazione non ci sono autogrill

1533808_10202937016123418_95385951_n

Entro al Verdi alle 19,30. Ci sono tutti. Sul nostro tavolino una birra media, uno spritz, un’acqua tonica, le ragazze un Bellini. Ario, Atza, Luca e sua moglie, la Leo con la nuova pettinatura rasata ai lati, Julia. Saluto la cameriera. Mi siedo. La Leo mi vede e mi sorride. Gli altri mi salutano come niente fosse. Atza sta spiegando ad Ario come mai il M5S sia un partito di rivoluzione e cambiamento. Luca beve, anonimo filoberlusconiano schiacciato dalla crisi generata anche dal tizio che ha votato per anni. Le ragazze chiocciano di qualcosa che non m’interessa perché contiene la parola “plateau”. Prendo fiato, alzo impercettibilmente la voce.

«Dovete sapere una cosa» annuncio «e non c’è un modo giusto per dirvela, quindi la dico e basta»
«Stronzata in arrivo, tutti ai posti di combattimento» fa Luca.
«Adesso dice che è gay» dice Ario, afferrando il tavolo.
«Ti ricordo che scopa me da sei anni»
«Non vuol dire niente» dice lui senza guardarla «conosciamo le tue perversioni, oh donnaccia. E’ per quello che oggi tu e l’altra svergognata bevete la stessa cosa, no? L’acconciatura lesbo, sedute vicine… provo disgusto per voi degenerate»

Per tutta risposta l’amore della mia vita gli fa un sorriso di sfida, mima il segno della vittoria e ci infila la lingua in mezzo.

«Vergognati»
«Torna negli anni ’60, Ario»
«Così poi ti trovo nel ’69, ahahahahaha»

La vedo molto male.

«Mi ascoltate?» dico «è importante»
«Se stai per dire che hai quella malattia per cui rubi qualunque cosa… com’è che si chiama?» tenta Atza.
«La negrite» fa Ario.
«…quella, comunque lo sapevamo già»
«Scusa Atza, per l’INPS tua nonna quanti anni ha, 170?» rispondo, piccato.
«110, ma finché sei tu a farle le interviste finte posso andare avanti a grattare la pensione per anni, prima dello sgamo»
«E della conseguente quanto giusta carcerazione» precisa Ario.
«Allora? ‘sta cosa?»
Inspiro.

«In redazione hanno deciso che rappresento il volto di Metropolitan e vogliono mandarmi in TV a fare il giudice per un reality di donne che scelgono vestiti» sputo tutto d’un fiato.

 

 

 

 

 

Silenzio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Silenzio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

«AHAHAHAHAHAH AHAHAH HAHA AHA AHAH HAHAHAH AHAH» ride Ario.
«AHAH AHAHA AHAHAH HAHAHAHAHHHA HAHAHAH AHAHAAH» ride Atza.
«AHA AHAHAHAHAHAHA HAHA HAHAHA HAHAHAHAHAHAH» ride Luca «IL VOLTO DI METROPOLITAN!»

MmnIjQa

Io.

«A 12 anni mi segavo sulle copertine e poi mia madre s’incazzava che le trovava tutte appiccicose, praticamente t’ho eiaculato in faccia per anni?» chiede Ario, serio.
«Ti hanno preso perché coi pelati risparmiano sui truccatori?»
«No, per le sue grandi competenze nel campo della moda»
«Ma infatti, “ciao sono Nebo, muratore di Marghera, sono qui per parlarvi di stile ed eleganza”?»
«No, tipo “Nebo, da Venezia, è qui in quanto eterosessuale. Un applauso”»
«Mi avevano scelto loro!» dico.
«Eh, chissà che selezioni, là dentro sarai l’unico che usa le sedie nel verso giusto»

Impiego cinque minuti a riportare l’ordine.

La redazione viene contattata da uno studio di produzione con cui hanno già lavorato. La prima volta era andata bene e valutano un secondo round, stavolta con un maschio tra i giurati, dato che la prima edizione era la sagra dell’albicocca. In riunione salta fuori il mio nome in quanto “giovane, di bella presenza e brillante”, che è un bel modo per dire “collaboratore esterno sacrificabile in caso di fallimento”. Mi telefonano per chiedere il mio parere e replico che per la giusta somma faccio anche i salti mortali all’indietro, purché non ci sia di mezzo il M5S.

«Nebo, vuoi qualcosa?» chiede la cameriera.
«Una birra media»
«Non scordare la vaselina a parte, tesoro» flauta Luca.

«Bè, quando vai?» chiede Atza.

«Ci sono già stato. Ero troppo nervoso per tollerare due giorni a Milano bombardato dai vostri SMS del cazzo»
«Vile»
«Comunque non è andata» dico, ringraziando la cameriera e bevendo un sorso «al posto mio hanno messo uno che fa scarpe. Aveva più senso, immagino»
«Quindi niente grana?»
«E soprattutto niente curriculum. Se facevo il giudice per quella roba avrei potuto scrivere per qualunque rivista uterina. Vabbè, sentite, non si può vincere sempre»
«Non dire così. Pensando alla tua carriera da rapper ne va ammirata la coerenza fallimentare» gongola Ario «un sottile, dritto e lungo filo senza sbavature verso il basso»
«Ario, magari una parola di conforto ‘sto giro non gli fa male» dice la Leo.

«Perché? E’ giusto egli soffra. Ha pochi soldi, pochi amici, pochi capelli, mezzo genitore e una donna dalla sessualità chiacchierata»
«Tua moglie invece sta con l’aureola»
«Tsk tsk tsk. La sofferenza è la benzina per il sacro tragitto che ha intrapreso Nebo, oh perversa. Voi donne, esseri dalla natura ottusa e nescente, non potete comprendere ciò che passa nella mente di un uomo. Egli ha scelto la strada della dannazione. Ora la succhia, ingoia e all’occorrenza canterà la nona sinfonia a gargarismi»

«Che cazzo dici»
«Non ti è concesso comprendere. Torna nel tuo bodouoir di badesse a fornicare»
«E’ occupato da tua moglie»
«Dille che ti mando io, si smoscia»

Forse Ario ha ragione. Dovrei prenderla con filosofia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1309211518377

  • Non accettano eterosessuali che dicano agli uteri la verità

  • Djeug WiKo Vuillermoz

    voglio dirti che sarebbe stato il mio nuovo programma preferito se ti avessero preso come giudice.

  • Diego Bianco

    Sarà per la prossima, dai. Dopo vogliamo un link per vedere chi è lo stronzo che ti ha fatto le scarpe.

  • Rasputin

    Dai Nebo! Magari ti hanno preso al posto di un omonimo e si sono accorti della cazzata quando ti hanno visto presentarti a Milano!

    • Possibile.

      • S. B.

        Per la prima volta ho il coraggio di farti i complimenti…
        Ho scoperto il tuo blog da un’annetto abbondante, leggendomelo & rileggendomelo… Sei una penna davvero notevole e, spesso, ti ho anche inoltrato ad amici (ovviamente con fonte & link).
        Anche se non vedo l’ora di qualche altro post come quelli su Karansebes o su

        • S.B

          Kiska, od ancora su Kit Kat e Big Dawn…
          Per hobby (anche se preferisco definirlo il mio secondo lavoro, quello per cui non sono retribuito, ne voglio esserlo…) sono fiero portatore di due cannoni decussati da un martello, fregio che, da uomo di mare, ti dovrebbe esser noto.
          Penso ti potrebbe far piacere vedere i nostri gioieli da 100 T, ovviamente musealizzati, sotto tutela di soprintendenza etc. , ma sarebbe un’esperienza simile a farsi un giro al Poerio oppure al Tron quand’erano operativi.
          Qualora ti facesse piacere, rispondimi pure qui e ti farò avere i miei riferimenti per i dettagli.
          Ah, per inciso, siamo quasi coetanei…
          S. B.

  • Massimiliano de Capua

    Meglio per me che non t’abbiano preso alla fine.
    Avrei dovuto guardare la TV. 😛
    Scherzi a parte, secondo me è solo questione di tempo e anche tu sarai su Mediaset intervistato dalla d’Urso, o su La7 da Chiambretti…
    XD XD

  • Mik

    Se c’eri tu, e a modo tuo, avrei anche ingoiato la merda di un talent sulla moda o che cazzo so io.
    Non sanno cosa si sono persi, gli imbecilli.

  • Polonio

    Aspetto il giorno in cui verrai chiamato a scrivere per il M5S.

  • Nanni

    Mannaggia, da quando hai detto che la Leo s’è rasata ai lati quando la nomini vedo la Mack.

  • Non pensavo che i talent avessero dei limiti.

  • Jordi

    Purtroppo gli eterosessuali vengono discriminati in continuazione,meglio i frocioni che si occupano di moda
    Dai Nebo,magari ti prendono come giudice a Miss Maglietta Bagnata
    🙂

  • Federico

    hai osato dire che le ballerine fanno schifo al cazzo e lo smosciano anche rocco siffredi dopo un anno sulla stazione spaziale? Nel caso rimani un eroe

  • Albérto Nobile

    Cazzo, a metà post ero già preparato psicologicamente a sorbirmi sto programma da epurazione razziale e a fare l’abbonamento a qualsiasi piattaforma pur di gustarmi i tuoi interventi. Sono affranto.

  • fil

    peccato, ero già pronto con il telecomando nel culo a spippettarmi. speriamo nella seconda edizione di masterpiece 😉

    ps: boudoir*

  • Indovina?

    se resisti a tutte le bordate diventerai il Doge della Nuova Venezia

  • MandarinaD

    Buon Dio. Dimmi che non esiste davvero un programma del genere. Dimmelo!

  • eritreocazzulati

    Tutti noi sogniamo che il prossimo post sul blog inizi con ” 04 – ”

    😉

  • ilconfederato

    Non ti hanno preso perchè ti hanno beccato in Israele a fare porno coi trans…

    http://www.xvideos.com/video5601152/israeli_shemale_threesome

    • tusaichi

      Cavolo, è lui!

  • rae
  • giovanni il buono

    Ma atza l’è senpre imbriago tio cahn?