Capitolo 3 – Corri incontro alle cose

Vedo la gente disinteressarsi a questo pezzo di Xzibit. Coinvolgente, maestoso, liquido e brillante dai suoni fragranti e caldissimi. Le donne in pista si dimenano poco convinte in attesa della truzzeria. Resto focalizzato sugli effetti sonori della base, tastierine tutte WhIiIiIsSsSsH e U-U-U-U-U che titillano il timpano. Questo pezzo è fantastico. Il rullante pare un pacchetto di cracker d’acciaio. La voce grezza e oleosa come petrolio di Xzibit, perfetta. Notate i charleston che enfatizzano il cadere della cassa, anticipandola. Poi lui, il piano. Quegli accordi sembrano l’entrata in scena del Re Sole all’orgia del secolo. Voglio rendere partecipe di queste riflessioni Ale ed i suoi amici gangsta contadi.
Nebo, sogghigna Ale, forse lo hai già fatto.
Cheppalleee.
Questo ragazzo non lo capisco, ma visto che continua a parlare bla bla bla con i tizi mi dedico alle ragazze. Mi osservano con sospetto. Credo dovrei dire qualcosa per rompere il ghiaccio, così plano a fianco di quella con le tette più grosse e comincio a parlarle di questo, di musica, del motivo principale per cui la gente dovrebbe andare in discoteca, capite? La musica. Ballare ed ascoltare musica. Non stare seduta sui divanetti ad annoiarsi, piccola principessa incompresa. Di dove sei? Non dirmelo. Ucraina. Ho conosciuto un’ucraina una volta, Irene. Anche tu sei dell’Ucraina? Siete amiche o vi conoscete e basta? Altrimenti vi presento! Come ti chiami, bellissima regina dei ghiacci? Caterina. No, Katrina. Come il tornado, sarà perché anche tu tiri su un botto! Hahaha, sto scherzando sto scherzando, son tranquillo su ste cose. Però hai riso. Eh? Eeeeh, ti ho vista che hai riso.
Nebo, domanda Ale, ridendo e dandomi una pacca sulle spalle. E’ meglio se ti dai una calmata un attimo, sussurra.
Bla bla bla.
Sono più lucido di quello che crede, gli spiego, gli dico, gli spiego. Calmo, tranquillo, che faccia pure i suoi sporchi affari. Sto benissimo che sono un agente segreto, la spalla perfetta, il socio ideale. So in anticipo cosa penserà chiunque qui dentro. So la cosa migliore da fare. Posso dirti cosa sta bevendo metà della gente qui dentro con uno sguardo. Sono la cosa più simile a una divinità della movida, a un Dio delle PR. Potrei buttarmi da un ponte ed atterrare senza farmi niente, rialzarmi, spolverarmi e andare a andiamo a ballare, ragazze? Le prendo per mano e le porto lontano e loro ridacchiano tra loro che è un suono bellissimo perché con le donne bisogna sempre guardare cosa fanno e mai quello che dicono DIO la pista è il mio mondo. Entro scortato dall’Ucraina, balliamo. Le ragazze si strusciano tra loro con mani e sguardi tipicamente ucraini. Felici e spensierati, uniti da uno strano feeling, ci lasciamo andare e penso che potrei tenerle sveglie anche tutta la notte perché o qualcuno mi ha messo una mattonella di marmo nei boxer o signori con questa roba posso sconfiggere una dozzina di diciottenni sudamericane, quello mette le mani addosso all’Ucraina perché? Perché se due fiche stellari si strusciano in pista la gente dà di matto, dovrei portare le ragazze via dalla pista ma, no. Tanto è una perdita di tempo. Non è il momento, non sono il tipo, non è il caso. Non adesso, non stasera, perché già ho un sacco di casini, già all’università vado una merda, già ho un lavoro di merda, già quella troia m’ha mollato, già sono finito in un posto di strGli tiro un calcio in pancia.

«A che pensi?» domanda lei.

E’ metà ottobre. Sul letto cade quella luce dorata che hanno le sei di pomeriggio. L’aria sa di coperte e chiuso. Fuori, seimila metri più in alto, un aereo porta passeggeri chissà dove.

«Ascolta» dico.
«Puoi sempre prendere il brevetto più avanti» sospira.
«Pilotare un Cessna non è come pilotare un Harrier, ostrega» sbotto.
«Dovevi fare l’accademia, giusto?»
«Hm hm»
«Ormai è fatta. Stop. Fai altro. Hai la musica, l’università, lo sport…»
«Non è come volare»
«Prendilo come insegnamento. La prossima volta, corri incontro alle cose invece che pensarci troppo. Rimpiangerle serve solo alla gastrite. E poi credo il volo per te sia una specie di sogno che è un bene rimanga tale»
«Non ti seguo» dico, confuso.
Lei indica il soffitto: «Guarda quella mosca. Sta cercando di uscire da quando siamo qui. Il soffitto deve sembrarle la fine del mondo, eppure continua a provarci»

 

 

Il tizio vola addosso una coppia che sta ballando e molto prima che quello si rialzi gli corro dietro, gli monto sopra e gli pianto le mani nel collo. Così. La faccia gli diventa rossa, prima mi piglia a pugni, poi prende il collo anche a me, poi all’improvviso la faccia gli diventa rossa paonazza, gli occhi cambiano molto espressione, la bocca gli si spalanca e allora cerca di togliermi le mani, cosa che sarebbe pressoché impossibile se un’incudine non centrasse la mia mascella in pieno con un *crùnk* in bocca facendomi cadere dalla parte opposta. Per nulla intimorito mi rialzo in tempo per vedere quello per terra contorcersi tra conati di vomito e gli amici dell’entrata che mi corrono addosso. Non ne ho il minimo timore.

Prendo tante di quelle botte che non ho idea da dove arrivino o perché, il dolore è relativo ma non vedo più nulla e quando capisco cosa succede sono fuori dal locale, per terra, con in bocca un saporaccio e tutta la camicia coperta del mio rossissimo 0+. Mi rialzo e comincio a camminare verso l’entrata da cui mi hanno sbattuto fuori, solo che proprio quando i neandertaliani erano pronti a ripartire esce Ale che confabula qualcosa e mi tirona via. Lo seguo barcollante. Sputo per terra una roba che ho in bocca. Guardo, è metà del mio premolare di sinistra. Mi fermo un attimo a guardarlo, lo raccolgo. Mi tocco in bocca, non sento niente. Il nervo è morto, il dente pure.

Me lo metto in tasca.

All’improvviso 21 anni di vita mi crollano addosso assieme a un dolore acuto al viso, al braccio, alla testa, in bocca. Mi accorgo degli odori che fanno tutti schifo. Rimango fermo, imbambolato. Ale mi osserva con quel suo sorrisetto sulla faccia. Sto male. Immagini di lei mi tornano in mente come coltellate. Mi giro e vomito su un’aiuola del parcheggio.

«Ale, voglio andare a casa» sputo.

Allarga il sorriso e mi mette il braccio attorno alle spalle, incamminandosi: «Ho visto gente che la droga la piglia male, tu le batti tutte» sorride.
«Una volta mi han dato un cartone» dico «mi sono cagato addosso dalla paura»
«Sul serio?»
«No non sul serio, ma mi sono visto tipo i fantasmi che mi parlavano, una roba…»
«Che dicevano?»
Quello che dicono tutti, immagino.

«Non so» mento «Non so nemmeno perché faccio queste stronzate. Ti ho rovinato la serata»
«Macché, basta che ci leviamo di qui che magari il tizio ha chiamato gli sbirri»
«Per due sberle?»
«Non erano due sberle, ma stai tranquillo»
«Perché sono così? Sono così. Le peggio cazzate, una dietro l’altra. Sembrano sempre buone idee, poi passo la vita a-a cercare… Ho un lavoro di merda, a scuola vado di merda, ho una facoltà di merda e faccio musica di merda»

«Madonna, che down t’ha preso» sghignazza.
«Che?»
«Scommetto che ti faresti un altro tiro»
«SI»
«E se invece lasciamo perdere e andiamo a Jesolo?»
«Così?» dico, indicando la camicia ridotta ad un grembiule da macelleria.
«Si rimedia»

Massì, corriamo incontro alle cose.
Andiamo a Jesolo.

  • Marco Manconi

    Interessante. Ora di anni ne hai una 15ina in più, scrivi che pare che a 14 dormivi sulle panchine, e invece a 21 neanche sapevi che era un down?
    Certo però che spaccare il cazzo in un covo di pusher ucraini di coca…e magari anche di ben altro da altre parti… ti andò piuttosto bene.

    • v43

      ihhihihi covo di ucraini? l’havana era il ritrovo della “crema” di treviso. come ha detto nebo: cafoni arricchiti e fighe interstellari. E’ stato chiuso un paio di volte per.. problemi di droga

  • badger

    L’uragano Katrina è successivo ai fatti. Ma chissene, solo la descrizione dell’effetto onnipotenza dopo il pippotto m’ha fatto piegare dal ridere. Grande Nebo.