Nel metaverso uterino è di nuovo tempo di prova costume

tumblr_m41urrkT0k1qzpy7ko1_r1_500

Entriamo in un negozio qualunque che vende roba qualunque con etichette diverse. La temperatura è in modalità tempesta di fuoco. La radio gronda merda. Commesse che invece di sfruttare il loro vero potenziale si aggirano annoiate. Faccio l’errore di incrociare lo sguardo di una. Si avvicina, sebbene io faccia di tutto per somigliare a un manichino tipo quando entrano gli indiani con le rose.

«Ciao! Posso aiutarvi?» domanda.

La donna al mio fianco risponde con l’immancabile “No, diamo solo un’occhiata” ma mente, come tutte le meretrici di Bisanzio. Passeremo ore, qui dentro. Ore. Mostruosità temporali inconcepibili per un essere umano, qui, vengono definite “un’occhiata”. La commessa replica “Se avete bisogno chiamatemi” e io mi domando in quale metaverso se un cliente ha bisogno di informazioni invece di chiamare la commessa telefona a Pronto Pizza. Il fatto è che dopo anni di peregrinaggi in questi boudoir di psicologhe e laureati in ginnastica anale sono giunto alla conclusione che più il posto smercia pattume e più i commessi fanno i simpa. Entri al Duca D’Aosta? “Buongiorno signori”. Entri da Berska? “Hey, ciao, come state?”.

Il che mi dice molte cose sulla differenza di prezzo tra educazione e simpatia.

 

Inseguo il mio utero consenziente tra oceani di jeans devastati, magliette ironiche per ritardati, scarpe incollate a catarro, felpe mutilate, gonne sdrucite, cinture di plastica, borse di plastica, braccialetti di plastica, giacche di plastica, costumi di plastica e poi mi stupisco perché dopo sei anni ancora mi fa mettere il goldone.

Raggiungiamo il reparto costumi da bagno. Il soffitto del negozio esplode, i frantumi vengono risucchiati da una spirale nera e blu che vortica sopra di noi. Le pareti scompaiono. Il pavimento svanisce. Siamo nell’universo della prova costume, ove ogni legge della fisica scompare. Ogni logica è sovvertita. Un coccodrillo parlante con cappello da elfo irlandese, bandoliera da Carabiniere prima guerra mondiale e tanga tigrato s’infila una scopa nel culo, ci saltella incontro e indica i camerini. Le mie mani hanno otto dita. Seguo la cortigiana nel girone infernale, un corridoio infinito di tende nere costellato di abiti e attaccapanni da cui escono mani femminili che sporgono vestiti. Davanti a ogni tenda è posizionato un dannato, maschi dall’occhio vitreo che afferrano abiti, se ne vanno, ritornano, dicono “sì” o “no”, si chinano sul cellulare tentando di forzare la password del wifi del negozio perché il 3G non prende.

«Tranquillo, ci metto solo un secondo»

Quando c’è da scopare la spoglio in cinque secondi e al sesto ha già un dito nel culo.
Qui solo per rimuovere i pantaloni impiega dieci minuti.

«Amore, come mi sta?» chiede.
Scosto la tenda.

«MA CHE CAZZO FAI, CHIUDI!»
Richiudo.

«Devi mettere la testa dentro ma tenere la tenda bloccata con le mani, altrimenti mi vedono!»

 

 

tumblr_mdrn40eSQz1ryu3g1o1_250

 

 

Dunque.

I costumi da bagno sono mutande e reggiseni colorati. Per quale innominabile ragionamento se le vedi in spiaggia va bene ma se le vedi in camerino si coprono urlando? Dev’essere lo stesso per cui se una si veste poco sembra una troia e non va bene, ma se una la cala a tutti non è giusto che la si chiami troia. Sul soffitto, elefanti rosa.

«Allora? Come mi sta?» domanda.
E io che cazzo ne so.

Un costume da bagno non può stare “bene” o “male”. Stiamo parlando di pochi centimetri di stoffa che coprono capezzoli, ano e vagina. Non sta bene o male, STA E BASTA. Nessun fazzoletto tra le gambe trasformerà una balena in Alexis Amore e nessun sacco di juta renderà LupeFuentes un’obesa. Ma queste sono considerazioni che appartengono a un universo lontano. Qui lei è consapevole che a me piace la combinazione topless + tanga, ma per lei è volgare. Sa che a me piacciono i fisici prosperosi, ma per lei è bello il fisico della Barbie. E siccome l’obiettivo è ufficialmente piacere a me, segretamente piacere agli altri uomini e contemporaneamente avere l’ammirazione delle altre donne, la cosa migliore da fare è chiedere a me se mi piace quello che piace a lei.

«Aspirina?» chiede un uomo, offrendomene una.
«Grazie, ho il Moment» rispondo.

Faccio una carrellata di quello che piace a me.

 

250_2500_1_183813_2_1087

bra39

IFWT_ThongThursday_beach

 

E ora quello che piace a lei.

Black Swimsuit 04

xenia-deli-in-south-african-swimsuit-2013-issue_1

xenia-deli-in-south-african-swimsuit-2013-issue_5

Ovvero cagate che “stanno bene” solo alle clienti di Guantanamo.

Quando avevo la barca era tutto più facile: vigeva la regola che le donne erano ammesse a bordo solo con tanga o perizoma. Loro protestavano dicendo che era sessismo, io rispondevo che potevano sempre andare a Jesolo restando tutta la mattina in macchina sotto il sole e salvare l’onore.

Ho così scoperto di conoscere solo donne di bassa moralità.

Sfortunatamente la Fusillus appartiene a un mondo dove due più due fa quattro, non ai camerini di Bershka dove due più due si declina al congiuntivo col resto di nove.

«Ti sta bene» dico.
«Non mi intozzisce?»
«Tesoro, non è una cintura da palombari»
«Dici che è meglio meno sgambato?»
«Io dico zeppa di sughero 15, tanga leopardato e crema solare. Volendo, un pareo»

«Trasparente» precisa il tizio dell’aspirina.

«Dai, seriamente»
«Sono serissimo»
«Non ho il fisico da tanga!»
«E allora perché starei con te?»

 

 

 

 

 

Silenzio.

 

 

 

 

 

 

 

«…perché mi ami?»
Un mormorio di risate percorre i camerini.

Alla fine, bikini anche quest’anno. Le donne hanno un sadismo tutto loro per ricordarti che se vuoi la carne devi avere il grano. E la mente ritorna all’estate del 2013, quando la cumpa beveva birre, io governavo magistralmente e a prua, grazie al sobbalzo delle onde, vedevamo questo.

 

Buns_boat

  • nebofan

    amen

  • IFFB

    Mi citi Alexis Amore, now we’re talkin.

  • Gianluca Zamagni

    Cameriere prego! Cameriere! Prendo quello che ha preso il signore!

  • ElGatoMato

    Il cazzo di wi-fi dentro i negozi! Che incubo!

  • Franco Carrozza

    …aspirina, grazie!

  • Danny

    non ho ancora letto un cazzo, ma gran bella gif alla fine

  • lamb-O

    “Per quale innominabile ragionamento se le vedi in spiaggia va bene ma se le vedi in camerino si coprono urlando?

    Santoddio, quando tiro fuori questo argomento cercano SEMPRE di farmi passare per pazzo. Ma io non demordo.

    • irene

      shallo amico, fanno passare per pazza anche me che la penso così. anzi, io sono doppiamente pazza essendo donna e non capendo il problema.

      • Alex

        Si si Irene, però ci scommetto mezza palla che pure tu hai (o hai avuto) l’abitudine di andare al cesso con l’amica del cuore ;-))) Che non è poi molto diverso dalla storia del costume se ci pensi 🙂

        • gondoloide

          Dai su, le donne vanno assieme al bagno per motivi più pratici di quello che pensi.

    • tyreal

      “La mano sula coscia” di Hari Seldon.

    • Emanuele (by PD)

      credo che il problema sia che al mare sono tutte in costume e nessuna e’ “squadrata”. In un locale al chiuso ci sei tu seminuda e 30 persone vestite che ti “giudicano”…

  • Arjuna

    Il cambio guardaroba è deleterio…..

  • Pulsar

    La tua morosa ha dei gusti migliori di te in fatto di donne.
    Cazzo, quelle che hai linkato sudano lardo…

    • MartaElisa Mev Varnyarian

      bene, grazie a questo commento mi chiuderò in una grotta per tutta l’estate.
      ps: grazie Nebo, grazie da parte di coloro che, a quanto pare, “sudano lardo”

    • A me piace la carnazza, finchè resta sotto taglie accettabili. M’ispira sesso violento. Le Barbie mi fan pellagra.

      • Der_Mario

        Un´antica canzonaccia da osteria piemontese sostiene che le donne magre sono come “ciular ´s´la gera” (fare sesso sulla ghiaia). E chi siamo noi per andar contro tale saggezza millenaria?

        • LolaNorimberga

          Una milanese sostiene che “donna smorta ha la figa forta” (per smorta s’intende sia pallida che piuttosto magra 😛 )

          • Der_Mario

            È un detto che si usa anche in piemúnt! Ma non facciamolo sapere troppo in giro che poi c´é chi prende sul serio l´idea della padania come nazione 😉

          • Lorenzo Meulli

            E ancora più millenario è “de gustibus non disputandum est”.

            Indubbiamente un bel mix ci sta.

      • Marco Pellegrino

        Amen fratello!
        Il numero degli alcolici che ti devo offrire quando ti incontrerò da qualche parte è appena aumentato considerevolmente.

      • tonimola

        O come si dice qua in Veneto “meio far gola che far pecà!”

      • Alex P

        Nebo, parole sante!

      • Pulsar

        I gusti sono gusti, non si discute.

    • tongueofthedead

      Non hai mai dormito col cazzo puntato contro un culo ossuto, a occhio.

      • Pulsar

        Purtroppo ho sempre avuto donne giunoniche, molto belle per carità, però di notte era impossibile stare loro accanto.
        Troppo calde.
        Meglio il culo ossuto.

  • Alex

    Evviva guantanamo!
    Nebo, che cazzo di gusti diobò :-/// Unico vantaggio: di sicuro più facile trombarsi una mezza budriona che una modellina!

    E comunque il più bel costume del mondo è questo, addosso a lei (che per inciso è quella figa immortale del video di Blurred Lines):
    http://swimsuit.si.com/swimsuit/models/emily-ratajkowski/body-paint-photos/6

    • Nicola Visonà

      ma è legale?

      • Moby

        Se quello è legale allora lo è anche il conseguente stupro

        • Ebeneezer Scrooge
          • Moby

            Fatto. E ora che l’ho guardata bene? Ah già, sono un idiota e non capisco. Per fortuna che sono in buona compagnia visto che qualcuno non ha capito una battuta, sia pur di cattivo gusto, te lo concedo.

          • Davide David

            Te la potevi risparmiare, eh…

          • meh

            Ma anche no, per esempio.

          • Brutal Deluxe

            Magari no, ma spesso e’ una mera invenzione.

      • Davide David

        E’legale solo se lo indossa una col fisico adatto (lo 0.4% delle donne)

    • Brisso

      o. mio.dio.

    • Harry Deekolo

      Zio porcone, Emily Ratajkowski! Millenovecentonovantuno… zio porcone, potrebbe essere mia figlia. Brutto capire quanto sei vecchio vedendo topa su internet =[

  • ste

    diogristo nebo, ma il culo della terza foto non è di questa terra. vero?

    • Eh.

    • Max

      Qui in Brasile culi così li usiamo per poggiarci la caipirinha.

  • Erika Rossi

    io sono una donna…
    e sto morendo dalle risate XD

  • bob

    sei un genio cazzo ahahahha 😀

  • tamoxifen

    Ma perché non la mandi da sola a comprarsi i costumi?

  • Carlotta Silvestrini

    Con questo passaggio, anche per oggi, hai vinto l’internet:

    «Amore, come mi sta?» chiede.
    Scosto la tenda.
    «MA CHE CAZZO FAI, CHIUDI!»
    Richiudo.
    «Devi mettere la testa dentro ma tenere la tenda bloccata con le mani, altrimenti mi vedono!»

    #mireincarnodalridere

    • T.

      E niente. Ho passato trenta secondi convinto che la mia donna seguisse i miei stessi blog. Mi si era anche aperto l’interrogativo sul confessare o meno di seguire bagniproeliator. Bon, visto che la faccia è diversa e non credo lei conosca il significato di CSS me ne sto (siete omonime per chi non l’avesse ancora capito). Nel caso mi sbagliassi, io sono capitato qui per caso e ignora quanto detto prima. Ti amo. Sperando di cavarmela.

      • Carlotta Silvestrini

        Visto che il mio compagno ha letto questo post in mia presenza e ha riso (non quanto me) e dal momento che non è in grado di inserire un commento (e la sua iniziale non inizia per “T”), deduco che non ci sia una congiunzione astrale tale da vederci insieme in questa vita.
        Ciononostante, se stai con una “Carlotta Silvestrini”, tanti auguri (se non proprio condoglianze) 😀 😀 😀

  • Guest

    geniale!

    • sabbathbloodysabbath

      alla Fuentes glielo approverei nell’ano. 😉

  • Rukola

    L’immancabile domanda «Ciao! Posso aiutarvi?» e la conseguente risposta “Se avete bisogno chiamatemi” sono stronzate che bisogna dire per forza pena scassamento di coglioni dal capo. “Cosi dimostri ai clienti di essere professionale ed attento ” Per me dimostravo solo di frantumare i coglioni con frasi stupide

  • Paolo Reale
  • Jordi

    Ho come l’impressione che non sopporti le femministe 🙂
    O sbaglio?

  • Brutal Deluxe

    Grandissimo! Hai anche i miei stessi gusti in fatto di chiappe 🙂

  • Nicola

    Nebo dobbiamo andare a donne, la carnazza fa sangue. L’ossa e cani sa na ddari

  • serena

    bellissimo!!!

  • Nereus

    certo che anche tu sei un coglione. Prova a mettertelo tu il tanga e vediamo quanto ti diverti con un filo nel culo 15 ore al giorno. ma siete una roba incredibile. Il dottore dice che se tua moglie non te la da abbastanza puoi sempre farti dalle 12 alle 15 seghe al giorno per calmarti, non c’è niente di immorale, almeno lasci respirare gli altri.

  • Nereus

    Vorrei dire che questo sito fa cagare perché non approvato dalla chiesa cattolica nè dall’associazione camionista buzzurro. Che bello il mio commento compare anche in alto a destra, sono emozionato.