La giuria popolare, gli elettori e una macchina

Sottosuolo della nuova sede Casaleggio associati
Il sotterraneo è un’arena di monitor, tower e tastiere, illuminata da lampade e schermi a led. In alto, nella postazione di comando, Lucrezia Banana tiene le braccia incrociate e ascolta le parole del telegiornale. 

L’Umile Portavoce, dopo aver fatto un passo di lato, poi un passo indietro, poi un passo avanti, poi aver affermato di essere lui l’unico capo del M5S, ha dichiarato che la realtà, d’ora in poi, verrà sottoposta a una giuria popolare di iscritti al suo blog. Se la giuria stabilirà che un evento, un fatto o un’informazione non sono reali, non lo saranno. In Internet…

«Oh, Gesù» fa Lucrezia.
«SIGNORA!» urla l’addetto al sito, ma non serve: tutte le luci d’emergenza diventano rosse, e nell’aria risuona una sirena digitale.

BEEP

«Si comincia» fa Lucrezia, guardando il commento «animo, abbiamo visto di peggio. Frank, chiama gli autori e domandagli cosa si sono fumati con ‘sta storia della giuria po

BEEP

 

«Che cazzo dice, questa?» fa Frank, viceresponsabile, di fianco a Lucrezia.
«Toglietelo.»
«Ma è un account certificato!»

I telefoni squillano in un crescendo di grandine digitale: «Signora, dagli uffici del terzo piano domandano quanto tempo ci serve per formare la giuria popolare.»
«Formarla? Ma sono seri?»
«Signora, dal quinto piano domandano se qualcuno di noi ha mai letto 1984.»
«Va bene» dice Lucrezia, scrivendo in fretta su un block notes «dov’è Casaleggio?»
«È morto.»
«MA NO LUI, L’ALTRO!»
«Ah. L’hanno trovato che vagava in stato confusionale nella foresta del costa Rica. Un’equipe di guerriglieri addestrati alla Playstation stanno organizzando il rimpatrio.»
«…allora chi da’ gli ordini?»
«Lei, signora.»

BEEP

«E da chi dovrebbe essere controllato, da un chirurgo?»
«Piantala di cercare un senso, Frank, è come cercare di cacare un esagono. Abbiamo altri problemi. MATTEO!»
«Comandi!»
«Tira giù dal letto gli influencer a casa, falli venire tutti. Social! Quanto ci vuole per blindare i trending topic?»
«Almeno mezza giornata, senza rinforzi.»
«Mi basta un muro di hashtag scorrevole, ce la fate in due ore. ANDREA, MARZIO, PORTATEMI I CANDIDATI PER ‘STA GIURIA POPOLARE, VAMOS!» dice Lucrezia, battendo le mani. Da qualche parte una stampante inizia a sparare fogli pieni di nomi.

BEEP

 

«I famosi avvocati che operano come volontariato» mormora Lucrezia.
«Il nutrito pool» aggiunge Frank.
«Signora, abbiamo dei problemi su Facebook.»
«Fate vedere.»

 

Lucrezia Banana inspira dal naso con forza, espira: «Gestitela voi, solito protocollo.»

BEEP

«Cioè… cioè questo crede Beppe sia Gesù Cristo redivivo?»

BEEP


«Perché s’è interrotto?»
«Devono essere arrivati gli infermieri» dice Lucrezia, afferrando un plico di fogli che gli porge un influencer. Sono i nomi dei 37.000 iscritti al blog. Lo butta sul tavolo: «Non posso passare il pomeriggio a scorrere gente con la seconda e mezza elementare o pazienti psichiatrici. Tu, tu e tu, fatemi una scrematura. Tirate fuori una decina di tizi capaci di passare per sani a un’intervista superficiale.»

«SIGNORA!» urla l’addetto comunicazioni «IL MEETUP DI POSILLIPO DOMANDA SE LA GIURIA POPOLARE HA STABILITO SE LORO ESISTONO O MENO.»
«Cosa?»
«Un fatto è reale solo se la giuria popolare decide che lo è, giusto?»
«Sì.»
«Ma è vero che Grillo l’ha detto?»
«Certo, è scritto.»
«Ma nessuna giuria popolare l’ha approvato. Quindi, finché una giuria popolare non dichiara che Grillo ha davvero ordinato di formare una giuria popolare, quella giuria non si può formare. Ma se non esiste una giuria, come si fa a dire che Grillo ha davvero detto che bisogna formare una giuria popolare? Potrebbe essere una balla dei media.»

 

BEEP


«Ah, certo» fa un analista «il famoso stato Giorgia.»
«Il blocco catene verità-bitcoin.»
«Il recente esempio.»

Se solo padre Pio fosse qui, pensa Lucrezia, m’aiuterebbe a bestemmiare.

BEEP

«Non sarpei davevro, signore» dice Frank guardando il megaschermo «inspiegabili intrighi di poetre.»
«FRANK, NON TI CI METTERE ANCHE TU!» grida Lucrezia «Matteo, riferisci al meetup di Ritardia che abbiamo già abbastanza problemi. Novità dalla writing room?»
«Hanno tutti rassegnato le dimissioni e viaggiano spediti verso la Cayenna.»

BEEP

«Ma certo, certo» annuisce Frank, lavorando al suo terminale «Non ricostruiremo Amatrice prima di aver stabilito se quest’anno fa più caldo dell’anno scorso.»
«FRANK!»

BEEP

Lucreziaaah…

 

BEEP

«Ho già visto ‘sto sistema di governo, era il villaggio dei Puffi.»
«No, lì c’era il grande puffo.»
«Ma Gargamella e il suo gatto Birba potrebbero rappresentare Renzi e
«Silenzio!»

 

BEEP

«OH DIO» grida un influencer «OH DIO SONO CIECO, CIECO!»
«Mandatelo in infermeria, ha riletto il commento. Tranquillo, ragazzo, tra un’ora sarai come nuovo. Arriva ‘sto personale ausiliario o no?» fa Lucrezia.
«Stanno sellando i cavalli.»
«Cosa?»
«Sono le nuove regole della decrescita ecologica cruelty free bio vegan, signora. Il problema è che i cavalli cacano senza controllo, e ogni dieci metri gli influencer devono fermarsi a raccogliere stronzi grossi come coccodrilli. Sa, la raccolta differenziata.»

BEEP

«Ps4 hai foto di piedi?»
«Un giorno faranno un film su questo secolo e lo chiameranno Ritardati fantastici e dove trovarli.»
«Chiamatemi l’influencer senior.»
«In vivavoce adesso, signora.»
«Giddap! Vai, Ombromanto! Al trotto! Chi parla?»

 


 

 

 

 

 

 

 

Il mattino dopo, ore 5.32
Primo piano della Casaleggio associati.

Frank esce dalla stanza, raggiunge la macchina del caffè. Vede Lucrezia a occhi chiusi seduta su due sedie, con la testa all’indietro. Frank apre una busta di Nescafè cercando di fare il meno rumore possibile. Lei apre gli occhi, si rigira il cellulare tra le mani, tira su la schiena con una smorfia.

«Come si sente, signora?»

 

 

 

 

 

«D-domanda sbagliata?»
«Ti ho mai parlato di Sofia?» dice Lucrezia, stiracchiandosi.
«No» dice lui, versando l’acqua calda «lei non parla molto.»
«Famiglia medioborghese, caruccia e stupida. Viveva di fronte a casa nostra al mare. Estati insieme. Stava sempre male.»
«Di salute?»
«Di testa. Ogni cosa le creava ansia. Crisi di nervi solo per decidere cosa mettersi.»
«Ho avuto una ragazza così all’università.»
«Bè, a diciannove anni Sofia decide che vuole vivere senza pensieri. Non vuole più decidere o preoccuparsi di niente. Come una principessa.»
«S’è fatta d’eroina?»
«No. Ha iniziato a prostituirsi.»
Frank scoppia a ridere e gli va di traverso il caffè: «Scusi, ma…»

«Coi primi soldi va in palestra, apre un profilo Instagram dove si mette in mostra. Va alle feste giuste. Si paga una plastica dopo l’altra fino a diventare una bambola. Oggi ha ventiquattro anni e ce l’ha fatta.

Non deve decidere il menu. Non deve scegliere i drink. Non deve pensare a cosa fare, dove andare, con chi. Non si preoccupa del futuro. Non fa i conti a fine mese. Non ha idea di quanti soldi ha in banca. Non pensa nemmeno a cosa mettersi la mattina o la sera, trova sempre tutto pronto. Vestiti, borse, gioielli, istruzioni, orari. Se vuole, chiede. E non ha più ansie. Gira alberghi a sette stelle e voli in prima classe con addosso vestiti e gioielli che io non avrò mai, in posti che non vedrò mai» dice Lucrezia, guardando le foto con un sorriso d’ammirazione «Non è bellissima?»

Frank sporge la testa: «È sicuramente un gran pezzo di… donna.»
«Non lei, Frank. Quello che rappresenta. Il suo Instagram è la prima cosa che guardo appena sveglia, o quando sono stanca morta. È un monumento, per me.»

«Alla prostituzione?»
«No. Alla volontà.»

«Scusi, non è degradante?»
«È degradante Inside Out, semmai. Il manifesto di un occidente fatto di bestie emotive come quelle lì» dice Lucrezia, indicando la control room «la protagonista del cartone te la ricordi? Solo emozioni. Gioia, rabbia, disgusto, paura. Fine. Un animale. Sofia è l’esatto opposto.»
«Non capisco.»

«Come abbiamo scalato la catena alimentare, Frank? Con le emozioni? Facendo sapere ai leoni e ai nostri simili cosa provavamo in quel momento?»
«Non credo.»
«Infatti, ci siamo evoluti sopprimendole. Con dedizione e disciplina. Sofia voleva vivere come una principessa? Bene, s’è ficcata plastica sotto la carne, fresata le ossa, mangiato e bevuto da monaca, s’è fatta un culo così in palestra e s’è fatta penetrare da un numero imprecisato di vecchi e ciccioni. E ha ottenuto quello che voleva. Dov’è che le sue emozioni sono state utili?»

«Da nessuna parte.»

«Già. Ci sono solo razionalità, volontà, dedizione: in una parola, azione.» dice Lucrezia, e i muscoli del naso hanno un tremito: «Le emozioni sono escrementi mentali. Interessano solo alle nullità che si crogiolano nella propria pigrizia e si masturbano con l’invidia. Che celebrano le loro importantissime emozioni come scimmie che venerano la propria merda. Per me la vita ha senso in funzione di quello che faccio, non di quello che sento. Per questo Sofia a ventiquattro anni mangia aragosta a Dubai, io dirigo un reparto e le nostre coetanee frignano su Internet da casa dei genitori.»

«Non volevo offenderla.»
«Non l’hai fatto. So che era una cortesia. Lo apprezzo. Ma io non sono una donna dolcemente complicata, Frank. Sono una macchina. Non ho amiche, né amanti, né animali, né gioielli, né vestiti diversi da quelli che indosso. Ho solo quello che voglio e quello che devo fare per ottenerlo. Capito?»
«Sì.»
«Nessun problema. Riposiamo venti minuti, poi torniamo al lav

 

 

«Perché mi guardi così?» fa Lucrezia.
«C-cosa? Come la guardo?»
«Smettila. Sembri un imbecille.»
«Scusi» dice Frank.
È che mi innamoro sempre delle donne sbagliate, pensa.

  • kyōka

    Oh, yes.

  • Paolo Bardelli

    Miglior penna del www. Te lo dico da umile (collega) scribacchino.

  • Mi mancavano le storie della famiglia Banana. Meno gli screenshot dei commenti di gente reale, quelli sono demoralizzanti.

    P.S.: non dovrebbe andare nella categoria “Nick Banana”? Almeno così li ritrovo tutti con un unico segnalibro.

    • Anche a me, ma gli screenshot mi fanno venire voglia di lobotomizzarmi con una piccozza.

  • Giuseppe

    che capolavoro!

  • Sarà un 2017 FANTASTICO, me lo sento

  • Alberto (Jordi)

    Scusa Nebo , non sono nè il tuo avvocato nè tua madre , mi rendo conto che i commenti siano pubblici e visibili ai più sui relativi siti di provenienza , ma visto che questo è il tuo blog , non ti converrebbe prendere precauzioni e rendere invisible il nome degli autori ?

    • Non c’è alcun modo di indicizzare gli autori dei commenti, sono contenuti pubblicati da loro e, comunque, il post non ha contenuti diffamatori su chi li ha scritti.

      • Andrea

        Questa cosa è interessante, ma se il tal Baciamano scrive in qualche posto pubblico “mi piace fare le capriole e sentire la cacca che mi finisce tra le labbra” tu puoi ripostarlo o no? Lo diffami solo se commenti la stramba piroetta?

        • Nel caso specifico non lo farei. Sarebbe una di quelle zone grigie che in tempo zero diventano marroni. Poi il mio avvocato è un mio lettore e se c’è qualcosa che non va mi telefona insultandomi e ordinando la rimozione.

          • Cristiano

            Il che spiega la sparizione della tizia mezza nuda dallo scritto sui terremoti

          • Laurelion

            Non so perché ma ho riso più con questa risposta che con tutto il resto xD

          • Curiosità: lo paghi a spot o hai un abbonamento full-time-covered con addebito mensile?

          • Lo pago a causa legale che intento o ricevo. Di suo mi legge perché gli piace quello che scrivo.

        • TL;DR se hai il minimo dubbio, copri.

      • amadiro

        si diffamano da se

  • Lorenzo Fossi

    Non ci speravo più!

  • Franco Tagliabue

    Questo Frank mi sta già simpatico… 😀

  • angelo969

    La saga dei Banana’s ti riesce sempre bene, anche questi racconti non sarebbero male come sceneggiatura di un film.
    Comunque c’è un errore imperdonabile: Gargamella è Bersani
    http://www.calvini.it/gm/wp-content/uploads/2011/06/bersamella.jpg

  • angelo969

    Ah! la perla del paradosso della ‘giuria per l’approvazione della realtà’ è fantastica. Potremmo organizzare un simposio di filosofi per dirimerla

  • Ciccio_Pasticcio

    Io mi sono limitato a recuperare l’account instagram della proprietaria di quelle tette. Fa paura quanto è rifatta.

    nasti_verner

    Ma gli screenshot sono veri? Veri veri? Sarò ingenuo, ma spero vivamente di no.

    • Avion

      Vorrei non aver guardato il suo account. Ho ancora i brividi.
      Contraccambio spegnendo la tua speranza che i commenti non siano veri.

    • Antani

      Mi chiedo se vada nel multimateriale o nell’indifferenziato.

    • Purtroppo esistono entrambi le cose e ho dei leggeri brividi

    • Baboo85

      Come ho gia’ detto: ho visto di peggio, anche dal vivo.

      Mai viste le Barbie umane?

  • tyreal

    Aspettavo un post simile. E non posso certo dirmi deluso.

  • Ospizio

    Sei famoso anche a Boston

    http://i.imgur.com/yEnBupM.jpg

    • Hahaha lo so, se mai un giorno vedrò gli USA ci mangio.

  • awambawamb

    2017-2023 Operazione Gauguin.

    la lascio qui, ci sto pensando.

    – 2017, trasferimento in corsica
    – 5 anni di vita tra gli irredentisti, capre e carasau.

    – 2023 (primi 6 mesi) giuramento sulla costitussion franseis, oui oui sciurmant lesescargot uh la la lá fiche de bois VOILA JE SUIS FRANÇAIS
    – 2023 (ultimi 6 mesi) Ajaccio-Parigi, Parigi-Papeete sola andata. nessun bisogno di visto perchè OH LA LA LIBERTE EGALITE FRATERNITE la pomme de terre voilà le vistò.

    il resto poi dovrebbe essere circa un *Nafea faa Ipoipo* o *Racconti Barbari*. allevare cocchi (e sottolineo allevare), la pomme de terre, banane, tonni, l’eventuale delfino troppo curioso.

    cià.

    • BoboMilano

      sorry, con questo trend e questi leader nel 2023 Papeete sarà 3 m sotto il mare 🙂

      • awambawamb

        ….per precauzione prenderò posto sulle pendici del monticello sull’isola di Tahiti, cha fa 2000 metri e rotti. basta infrangere sogni, eccheccazzo.

  • Rob Von Soma_Cruz

    «dov’è Casaleggio?»
    «È morto.»
    «MA NO LUI, L’ALTRO!»

    Bon, non mi serve altro.

  • Giancarlo Del Sordo

    Mi avete fatto ridere. Ma quello che prendete in giro, e che Mentana sembra non comprendere, è che tutto questo sta già accadendo e nessuno sembra farci caso. I giornali dalla carta sono migrati sul web, e dal web per visibilità sono passati alle campagne su Facebook, dove basta un piccolo gruppo di utenti che indicano il link come dannoso per oscurare il messaggio. Quanto è differente questo da una giuria popolare?

  • Frank Banana is back!

    Nome completo della tizia in questione, su instagram?

    • Ciccio_Pasticcio

      Vedi sopra, nasti_verner. Ma non te la consiglio a stomaco pieno.

      • Fa impressione per quanto sia irreale, un pezzo di plastica ambulante

      • Baboo85

        Esagerato. Ho visto di peggio (anche dal vivo).
        Comuqnue non pensavo che Jessie di Toy Story fosse cresciuta cosi’ bene…

  • onlykekko

    Ho fatto partire l’applauso preventivo già dal titolo.
    Questo post dovrebbe essere la soluzione all’umana idiozia.
    Non lo sarà, ma mi piace pensarlo.

  • Routhor

    Bello bello. Grazie per pensare al posto mio, meglio di me.

  • Eritreo Caz-Z-ulati

    La famiglia Banana non delude mai.
    Attendiamo trepidanti il resto.

  • Abibobe

    Definitivo

  • Alessandro Bocchi

    Genio!

  • Dio

    Nebo, lo sai che con la notizia del weekend dello spostamento del M5S negli ultraliberali di ALDE mi sono immaginato le gif che metti per la faccia di Lucrezia Banana?

    Come la prenderebbe?

  • Baboo85

    Io in quel commento di Facebook CIERO!!!11!!!1!11!!
    L’ho letto, ma non ho scritto nulla proprio perche’ il livello di ignoranza e bestialita’ era cosi’ elevato che il mio cervello si e’ riavviato piu’ volte.

    Comunque Nebo tu spari sempre perle che danno da pensare. Dallo stacco de “Il mattino dopo” ho smesso di ridere e pensavo solo “cazzo e’ proprio vero”…

  • Nebo, non per fare lo strunzo, ma io direi
    “Un’equipe di guerriglieri addestrati alla Playstation sta organizzando il rimpatrio”. Il soggetto è l’equipe, ed è un’entità singolare…

  • Jay S

    Volevo leggermi questo post per farmi due risate ed andare a dormire… ma gli screenshot mi hanno tolto il sonno… soprattutto le risposte al laureato!!! Bello il post sulla famiglia Banana, sempre meravigliosi… ma santo il signore l’ignoranza di certa gente mi fa proprio paura!!! E poi mi chiedono perché non voglio più rientrare in Italia…