La vera trama di Prometheus

“Mi faccia capire, voi colonizzate pianeti e non avete ancora guarito la calvizie?”

«Zkbarr, mi annoio»
«Io sono Kmer»
«Mi annoio lo stesso»
«Tromba Ftagn, no?»
«E come la riconosco, se è uguale a Krambula, a Gnennka, a Ubradi e a tutte le donne del nostro pianeta? All’ultima cena mi sono inculato per errore Vknamm»
«Potremmo pettinarci in maniera diversa»
«Non abbiamo i capelli e abbiamo i crani tutti uguali, siamo tutti alti uguali, abbiamo tutti il fisico uguale e abbiamo tutti gli zigomi uguali»
«Mannaggia»
«Ho un’idea! Creiamo un pianeta di esseri tutti diversi tra loro!»
«Perché?»
«Fa ridere»

Gli alieni trovano il nostro pianeta e vi piantano il loro codice genetico obbligando uno dei loro a bere un caffè di McDonald, poi tornano a casa. Osservano gli sviluppi. Sulla Terra nasce l’uomo, si moltiplica, poi un gruppo comincia a venerare un meteorite, l’altro venera un tizio in croce e si ammazzano tra di loro perché il meteorite è meglio della croce. Gli alieni si guardano.

«Sono venuti fuori male, uccidiamoli»
«Ok, armo il cannone a onde quantistiche»
«No! Andiamo sulla Terra e lasciamogli istruzioni per raggiungerci quando si saranno evoluti»
«Ma perché?»
«Fa ridere»

«Fa ridere portarci a casa un popolo affetto da deficit cognitivo?»
«Mica gli diciamo di venire a casa nostra, testa. Gli facciamo lo scherzone e gli diciamo di raggiungere un pianeta a cazzo, che riempiremo di armi batteriologiche»
«Ma perché?»
«Fa ridere»

Kmer fa spallucce. Colonizzano un pianeta morto e iniziano a riempirlo di armi batteriologiche pericolosissime. Basta un minimo contatto con la sostanza che c’è all’interno per subire atroci mutazioni o venire infettati da un parassita che uccide in modo orribile, quindi la cosa migliore da fare è metterle in dei contenitori fatti di gelato surgelato.

«Non sarebbe meglio acciaio rinforzato?»
«No»
«Perché?»
«Fa ridere»
«Cosa, di preciso?»
«Apro la finestra? Eh? EH? Alzo il riscaldamento?! Ha ha ha haha, guarda che facce che avete! Oh! Occhio a non scorreggiare, scaldate l’aria e siamo fottuti, eh? Haha ha ha ha»
Le teche si sciolgono e muoiono tutti.

Sul loro pianeta il re degli alieni va dal capo di stato maggiore e domanda che fine abbiano fatto cinquecento astronavi, duemila soldati e venti tonnellate di armi batteriologiche.

«Guardi, non so, salteranno fuori»
«Massì» fa il re «tanto sono tutti uguali»
Passano 200 anni.

Sulla terra un vecchio puzzone miliardario sta tirando le cuoia: sua moglie l’ha lasciato, odia sua figlia, il suo unico amico è un robot e da trent’anni piscia col cucchiaino. Chi non vorrebbe vivere così in eterno? Guardando la TV vede una coppia di scienziati che farneticano bislacche teorie, tipo che nello spazio ci sono i nostri creatori. Il vecchio si emoziona: se un contadino pianta una quercia, di sicuro è anche in grado di farla ritornare ghianda, pensa scaltramente il vecchio. Contatta gli scienziati e si trova davanti lui che è un alcolizzato, lei che è una creazionista.

«I graffiti sui muri mostrano dei pianeti» dice lui.
«Dove abitavano Adamo ed Eva» precisa lei.

Stregato da questi brillanti ragionamenti gli cede un’astronave gigantesca e arruola il miglior equipaggio possibile: il miglior biologo del mondo, ossia un ultras che ha risposto “latte” al test “cosa bevono le mucche”. Il miglior geologo del mondo, ossia uno che all’angolo della strada stava sgranocchiando un sasso, il robot che gli cambia i pannolini, dei soldati scartati alla visita di leva e, visto che avanza posto, sua figlia. Si odiano, ma mettiamola lo stesso. La nave è governata da un negro e due bambole gonfiabili asiatiche per bilanciare le minoranze etniche. Totale, una decina di persone in tutto. Si fanno congelare e partono verso il pianeta A331.

L’astronave arriva sul pianeta senza sapere che atmosfera ci sarà fino all’ultimo, quindi i soldati per sicurezza hanno deciso di portare armi che funzionano di sicuro: lanciafiamme. Così se nell’aria non c’è ossigeno li usi come clave, no? Spiazzerebbe il nemico. Atterrano davanti a una costruzione aliena. Hanno solo sei ore di luce, quindi la cosa migliore è uscire a fare due passi. Sulla porta la creazionista ferma i soldati.

«Niente armi»
«Ah, ok, tanto io volevo fare il pittore» risponde uno.
«Ah, ok, tanto io sono cieco» risponde l’altro.

Mollano i lanciafiamme e si aggregano al gruppo. Certo, se gli alieni si rivelassero ostili loro sarebbero inutili come un lustrascarpe alle paraolimpiadi, ma non importa. Entrano nella struttura. Secondo gli strumenti l’atmosfera all’interno è simile alla nostra. Lo scienziato si esalta e decide di togliersi il casco per respirare a pieni polmoni gas, microparticelle, virus, batteri, polveri e agenti contaminanti sconosciuti. Anche un focomelico di prima elementare lo saprebbe, ma lui è uno scienziato americano e ci sta che non lo sappia.

Hanno dietro un biologo apposta, no?
Lui lo osserva divertito, poi si toglie il casco anche lui.

Se lo tolgono tutti e cominciano a passeggiare fischiettando. Aprono porte con la stessa cautela con cui Roxy Raye s’infila proboscidi nel culo, tra un motteggio guascone e una battuta virile. Il geologo non raccoglie campioni di terreno, si gratta. Il biologo non cerca tracce di vita, dà fastidio agli altri. La scienziata si tocca il crocefisso che tiene al collo. Il robot vaga con un sorriso ebete. Dopo un’attenta ricerca basata sul metodo “gita delle elementari al Louvre”, entrano in una stanza piena di strani contenitori. Ci camminano in mezzo, li tocchignano, notano che si sciolgono. Trovano una testa di alieno mozzata, la buttano in un sacco e proseguono. Alla radio il negro li informa che oltre alla notte sta arrivando la tempesta, mollano tutto e corrono all’astronave tranne il biologo e il geologo che preferiscono dormire lì, da soli, al buio, in mezzo a un edificio alieno.

Da qui in poi l’interruzione dell’incredulità collassa.

Sull’astronave il robot apre uno dei contenitori, prende un campione della sostanza e la mette nel bicchiere dello scienziato. Così, tanto per vedere cosa succede. Lo scienziato beve, scopa la scienziata, si guarda allo specchio e c’ha i vermi negli occhi. Decide di tenerselo per sé e vanno tutti a dormire. Durante la notte, nella costruzione aliena, il biologo e il geologo trovano un verme che è entrato in contatto con la sostanza dei contenitori ed è diventato un cazzo viola di due metri. Questo non li intimidisce.

«Cucci cucci cucci» fa il biologo al vermone «cucci cucci cucci»
Il cazzo viola mostra una fila di denti acuminata.

«Cucci cucci cucci» fa il biologo «cucci cucci cuc
Muoiono tutti e due.

Il mattino dopo lo scienziato coi vermi negli occhi sta malissimo, esce che peggiora a vista d’occhio. La creazionista avverte gli altri dicendo che il suo ragazzo sta molto male.

«Oh, no» fa la figlia del vecchio «ora dovremo ucciderlo!»
«Eh, sì, tocca» risponde il robot.
«Sì, vi prego, uccidetemi» risponde lui.

Prima che qualcuno dica “curiamolo”, “esaminiamolo”, “che cazzo fate, abbiamo un gozziliardo di strumenti a bordo”, prima che uno spettatore gridi “ma che cazzo, le teste infette di alieni le manovriamo coi borsoni e uno di noi lo ammazziamo a caso?” un soldato dà fuoco all’entusiasta scienziato che perisce arso vivo.

L’armata dei mongoplettici fa ritorno alla struttura aliena come se nulla fosse. Trovano il corpo del geologo, dicono “noo ma ke sfiga io odio il lunedì” e continuano ad esplorare la struttura. Il biologo nel frattempo si è trasformato in uno zombie ragno con la testa alla Mars Attack che raggiunge l’astronave a quattro zampe e comincia a menare la gente a caso.

«Mi scusi ma che fa, perché?!» gridano i soldati.
«RIDDERE» ringhia il biologo zombie «FARE RRRRIDERE»
Uccidono anche lui.

Nessuno mangia, tutti crescono.

La creazionista ha delle coliche pazzesche, con la giusta musichetta sembrano scene tratte da Natale sul Pianeta E331. Torna sull’astronave, si fa fare una scansione dell’addome e scopre di avere in pancia una specie di calamaro fritto da passeggio, che nel giro di una notte è grande come la testa di un rinoceronte. Non si sa nutrendosi di cosa, ma è così. La donna entra nella CABINA MAGICA DEL PICCOLO CHIRURGO e si fa asportare questa bestiola che s’ingrandisce a vista d’occhio. Lo congela e comincia a camminare per la nave. Sbadatamente apre una porta e magia! Centinaia di medici, infermieri, segretari si prodigano nell’aiutare il vecchio che piscia col cucchiaino. Lei non è che grida “oh mio Dio e voi chi cazzo siete, da dove sbucate”. No. Dopo un cesareo si siede a chiacchierare col vecchio, che le spiega il suo vero scopo: sticazzi dell’alieno, lui vuole pisciare col cucchiaino per sempre.

Tutti a questa rivelazione si tranquillizzano e vanno a fare due chiacchiere con l’alieno, incuranti della valanga di morti, sofferenze, abusi e balle che si stanno dicendo.

Raggiungono per l’ennesima volta la struttura aliena, decongelano Zborr e il robot gli domanda se può farli vivere in eterno. Zborr inorridisce guardando il popolo di Jersey shore che gli è entrato in casa mentre dorme, rompe il culo al robot, mena al vecchio, trucida i terrestri restanti e si mette a guidare l’astronave per andare sulla Terra e uccidere gli sceneggiatori di Lost una volta per tutte. La creazionista telefona al negro che governa la nave.

«Ahmed, mi senti?»
«Sì»
«Nessuno ti ha detto niente, nessuno ti ha spiegato niente e io sono la persona con meno autorità su questa nave, ma devi guidare l’astronave da 300 miliardi contro quella aliena suicidandoti e uccidendo tutti quelli a bordo»
«Ah, bella storia» fa il nigga «io ci sto, ma forse dovrei chiedere agli altri»
«Non serve, fidati, sono tutti d’accordo»
«Ah beh, se lo dite voi»

Questo credibile e complesso personaggio manovra la nave in modo da schiantarla contro quella aliena. Muoiono tutti. Nella scialuppa di salvataggio, tuttavia, il calamaro estratto dal ventre della creazionista riappare che è alto tre metri e largo otto. Non si sa cos’abbia mangiato, visto che era in una stanza ermetica, ma tant’è. E’ lievitato. Zborr, l’alieno sopravvissuto allo schianto, con un notevole sforzo appare in scena appena in tempo per farsi uccidere dal calamaro. La scienziata, unica sopravvissuta perché crede a Dio in un film di americani, parte con il robot in cerca del pianeta originario degli alieni. Lo scopo è tirargli la manica domandandogli “perché vi stiamo antipatici, eh? Dai, me lo dici? Mi dite perché siamo antipatici? Perché ci odiate? Eh? Me lo dici? Scusa, me lo dici?”

RECENSIONE
Prometheus è una merda fatta non per la passione di raccontare, ma per obbligare la gente ad andare a vedere il seguito. E’ girato da schifo e scritto da una persona che dovrebbe andare a lavorare in falegnameria, però ci sono le lucine azzurre di Harry Potter.

E questo cambia tutto, se sei un americano con il QI di un cane morto.
  • wtfzambo

    SEI DIO.

  • Alex

    Visto ieri, su un monitor d’aereo, per giunta in inglese (no dico, l’hai mai sentito un attore di colore come il capitano parlare? Non si capisce una beata minchia…).
    Una cagata micidiale, non merita nulla….

  • Leomax

    Senza considerare che la tipa si fa di antidolorifici sufficienti a stendere un capodoglio, viene mezza squartata, richiusa con lo sputo e dopo qualche ora corre i 500 metri ad ostacoli.
    Un insulto di trama e un regista sempre più perso nella sua deriva cristologica che se n’è fregato altamente della coerenza con l’opera originale.

  • sonia

    Sei diventato ufficialmente il mio nuovo guru. Ti sacrificherò dei capri al mio risveglio.

  • Waykibo

    Avevo già letto la recensione appena pubblicata ma fiutando la puzza di sterco ho saltato la visione. Stasera preso dalla noia ho deciso di farmi sorprendere dall’idiozia ‘murricana e non sono stato deluso. Perchè ogni film di fantascienza recente, da questo a quella cagata di pacific rim, deve essere farcito di personaggi che sembra abbiano bevuto un cromosoma la mattina insieme al caffè?

  • Alberto Massidda

    Ma vogliamo parlare di Charlize Theron uccisa come in un episodio di Grattachecca e Fichetto?