Cinquanta sfumature di nulla



E’ il momento. Le vostre amiche vi hanno consigliato di leggerlo, la televisione ne parla con eccitata malizia, sulle riviste femminili viene recensito, dibattuto, studiato e analizzato ogni mese. Dicono che è un libro sulle fantasie sessuali segrete delle donne. Che è di un erotismo estremo e che è scritto da una donna per le donne

Se vi siete comprati Cinquanta sfumature di grigio vi assicuro che la cosa più estrema è lo stupro orale che avete subito non appena avete tirato fuori il portafogli. Vi faccio un disegno per capire cos’avete comprato davvero.







La storia dell’immaginario erotico femminile segreto è una delle più apocalittiche palle siano state partorite nella storia dell’umanità. E’ una truffa tanto quanto la biancheria intima sexy che si basa sul “vedo e non vedo”. Tu spogli la donna aspettandoti quello che hai intravisto nel locale e scopri che il reggiseno era imbottito, le ciglia erano finte, la pancia era coperta, il culo era alzato dalle calze modellanti e i brufoli erano cerati di fondotinta. Solo che ormai sei talmente infoiato che non te ne frega più niente.

Questa non è seduzione, è circonvenzione d’incapace.
L’immaginario femminile erotico segreto è la stessa cosa. Vi dicono che c’è,  aprite il libro, lo sfogliate e non è altro che la storia di una cerebrolesa che è incerta se far pompini ad un superdotato fotomodello miliardario. Messa così la comprerebbero giusto per accenderci il caminetto, ma se racconti che dentro c’è chissà quale arcano segreto, boom! Tutti si precipitano in edicola. Lo comprano, ci restano male ma tant’è, ormai i soldi li han spesi, leggiamo, magari più avanti c’è qualcosa di interessante.

Più avanti c’è solo la copertina con il prezzo.

Solo in quel momento realizzano che il motorino elettrico sopra il casco gli sta sderenando i denti con un dildosauro da trecento pagine.
“Eppure questo libro ha un sacco di successo tra le donne!!”.
Questo non depone a suo favore. 

Le donne leggono più degli uomini ed è un dato acclarato, ma questo non vuol dire nulla. Se un uomo in due anni legge mezzo romanzo di Hemingway e una donna in sei mesi si fa tutta la bibliografia di Moccia sì, statisticamente legge di più, ma ha anche lo stesso elettroencefalogramma del cadavere di Napoleone. 

Allora se è una merda, perché vende così tanto?
Perché le donne vivono di luce riflessa delle fantasie maschili. 

Lo so, è una cosa che farà incazzare a morte tutte le portatrici di vagina, ma in questo caso è una realtà talmente chiara, talmente palese, talmente banale che non la nota più nessuno. Il fatto è che le donne comprano Cinquanta sfumature di grigio senza accorgersi che il messaggio è “se vuoi sapere quali sono le fantasie che dovresti avere, leggi questo libro”. Nel cuore di ogni donna esiste il dubbio di non essere adeguata, anche dal punto di vista sessuale. Comprare una cosa che sbandiera fantasie segrete femminili ti sta implicitamente dicendo che se sei una donna devi averle: come questi cazzo di stivali aperti, la borsa a scacchi e la maglietta I CUORE NEW YORK. Cose necessarie a fare bella figura con le altre donne, sì, ma a letto ci vanno con gli uomini.

Per questo il protagonista è fatto in modo da adattarsi alle esigenze di tutti i tipi di donna possibile. Non è un idraulico obeso che però fa sangue, non è un ragazzino complessato che attizza, non è un terrorista carismatico, un cardinale tormentato o un giocatore di rugby violento. Non è un essere umano con le sue contraddizioni: è una formula matematica. Cazzo, muscoli e soldi sono i minimi comuni denominatori dell’universo femminile che mettono d’accordo la punkabbestia di Maerne con la modella sullo yacht di Abrahmovich.

L’interno del libro è di una pallosità sconvolgente. Lo leggi e ti ricordi di quando sognavi certe cose in terza media, in prima liceo, in gita con la scuola, ma alle donne che non hanno mai sentito parlare di De Sade o di Apollinaire fa sentire a posto. A posto. Le fantasie erotiche “che hanno tutte” ora le sanno anche loro. Poche frasi come questa ammazzano la libido. Immaginate un mondo dove tutte le donne vogliono le stesse cose. Non esisterebbe l’innamoramento, il corteggiamento, lo scoprirsi, il sesso esplorativo, i tradimenti. Ogni donna sarebbe uguale all’altra.

Questo non è un romanzo erotico, è la versione apocalittica del Mondo Nuovo. 


In 32 anni ho imparato che alcune donne hanno fantasie di un tipo, altre diametralmente opposte. Alcune adorano farsi sodomizzare e venir prese a sputi in faccia. Altre di guardarti mentre trombi una dicendoti cosa farle. Alcune donne vorrebbero essere stuprate. Altre sognano di uccidere l’amante. Altre vorrebbero fare sesso di gruppo, altre hanno fantasie omosessuali. Altre vorrebbero fare l’amore con un travestito. Altre tutte queste cose insieme.

Ma anche se avevano tutte la stessa borsa, a letto nessuna voleva sentirsi uguale alle altre.
  • ForseTuSaiChi

    “Eppure questo libro ha un sacco di successo tra le donne!!”.
    Questo non depone a suo favore.

    Questa mi ha fatto sbregare dal ridere.
    Articolo giustissimo. Anche perché non tutte, ma tante donne fantasie particolari le hanno eccome. Il punto è che sono comunque capaci di farsi fregare in edicola e in libreria.

  • Ti amo, lo sai vero? XD

  • Anonymous

    Ti CUORE moltissimo! 😀

  • Anonymous

    Su Internet dovrebbe girare la parodia “50 sfumature di minchia”.

  • Chiunque fortunato quel che basta per nascere con un pene e di proprio pugno decide di leggere quel libro è un eroe, statisticamente.
    Ottima recensione.
    Sempre statisticamente.

  • eroe. l’hai letto davvero?
    io ho letto il bignami su una rivista e quando ho saputo che il sesso anale era al terzo libro ho deciso che DECISAMENTE no.
    viviamo nel 2012. il sesso anale è al terzo appuntamento.

  • Mettiamola così: è una roba che nel 1970 avrebbe fatto scandalo. La chiave per deprimersi è guardare il calendario.

  • Fuz

    Bel pezzo.

  • Sei ufficialmente il mio idolo. Sappilo.

  • “SI INGINOCCHIA E SI INFILA IL PRESERVATIVO SUL SUO NOTEVOLE MEMBRO..

    -Oh no.. riuscirà a..? Come?
    -Non preoccuparti – sussurra Mr.Grey – anche tu stai diventando più larga-“

    La versione BDSM di Twilight.

  • che il membro sia notevole non lo volevamo sapere, però.
    se tutto funziona bene, ce lo stiamo già immaginando (e nessun membro può essere più notevole di quello che immaginiamo noi), se no sbellichiamo dal ridere visualizzando un edward cullen con un gigantesco randello fosforescente tra le gambe. o glitterato. o quel che è.

  • Sei un maschilista talebano ignorante

  • perchè non togli le 2 ragazze in bikini e metti una foto dell’universo? maschilista!!!

  • Può cortesemente approfondire l’idea della fotografia dell’universo?

  • non ho letto il libro. ma voglio intervenire lo stesso.

    (non è vero, ma qualcuno doveva pur dirlo).

  • “Ma anche se avevano tutte la stessa borsa, a letto nessuna voleva sentirsi uguale alle altre.”

    Applausi e standing ovation.
    dopo una recensione del genere una chiusura da Nobel. Complementi.

  • Applausi!

  • Tarya

    non ti conosco ma ti stimo profondamente. 🙂

    Comunque vorrei far notare che ho letto Hemingway e che purtroppo ho avuto il dispiacere di conoscere uomini che avevano letto Moccia&co. Esistono idioti di entrambi i sessi…

  • Anonymous

    ad akai megane piace MOCCIA e anche tu

  • Paolo

    “SI INGINOCCHIA E SI INFILA IL PRESERVATIVO SUL SUO NOTEVOLE MEMBRO..

    -Oh no.. riuscirà a..? Come?
    -Non preoccuparti – sussurra Mr.Grey – anche tu stai diventando più larga-“

    Queste cose le leggevo 20 anni fa su “Corna Vissute”

  • Anonymous

    Non riesco ad individuare una sola punta di maschilismo nel pezzo. GIURO! Concordo che qualunque mentecatta abbia bisogno di farsi dire da un servizio del telegiornale o di striscia la notizia (che propongono ballerine scopa in culo con mezzo capezzolo fuori come modelli di seduzione femminile) in quale libro troverà le proprie mancate fantasie merita di buttar via i soldi con libri di merda. le altre possono invece divertirsi con Hemingway o Bukowsky, per esempio. su ciglia finte, push ups, ceroni e altre puttanate… ragazze cazzi vostri se poi la mattina dopo vi vomitano addosso anzichè farvi il caffè! SARA

  • “non è un ragazzino complessato che attizza” in realtà è proprio quello il fulcro!

  • Alex

    “di guardarti mentre trombi una dicendoti cosa farle”. Se tu sai di questa fantasia per esperienza diretta, potresti assurgere al ruolo di eroe personale.

    Questo nonostante ti piacciano posti dove psicopatici si travestono per fare cose allucinanti sulle “note” di musica di merda da strafatti…

  • Anonymous

    Standing ovation. Se le donne che ti accusano di misogenia, si conoscessero come tu conosci loro, il mondo sarebbe un posto migliore.

    Eleonora

  • Anonymous

    Io son di Maerne e purtroppo le punkabbestia non ci son più 🙁
    Bellissimo post comunque 😀

  • Cribbio, ma fai qualcosa per quella brutta misoginia! Se no poi finisce che non te la si da’ piu’ manco dietro pagamento anticipato eh! 😉

    ps. ah…se vuoi recensire libri ( anche scadenti) ok, ma non recensirmi i rotoli di carta igenica (usata), su! Troppo facile sparare alla croce rossa.

  • Anonymous

    Non ho letto né intenzione di leggere il libro, non ho mai letto Moccia ma ti assicuro che di nascosto lo leggono anche gli uomini. Purtroppo la qualità delle letture è pessima indipendentemente dal genere di appartenenza, quindi misoginia un po’ sciocca e sprecata per occasioni migliori e meno controargomentabili.
    E’ vero che innumerevoli donne vestono tutte uguali e si decorano le unghie finte e usano push up e non sanno neanche camminare in posizione eretta ma questo vale anche per gli uomini, purtroppo.
    Incontro molte più donne acculturate, con le quali poter parlare di argomenti vari e interessanti, anche se nella generazione di 25-30enni si stanno svegliando molti uomini. Il mo comagno mi conferma che negli spogliatoi della palestra e ingenerale tra uomini si parla solo di pompini, calcio e Fantozzi; noi donne parliamo di antropologia, scienza, medicina, mostre, relazioni umane. Forse scegli male le donne da frequentare.

    • ssllss

      “noi donne parliamo di antropologia, scienza, medicina, mostre, relazioni umane”… che palestra frequenti? no, perché io in tutte quelle che ho frequentato, finivo di cambiarmi direttamente in sala per non sentire vocette stridule starnazzare di borse, scarpe, diete e uomini-bancomat.

  • Anonymous

    Applausi!!

    le signorine che utilizzato le parole misoginia, talebano, maschilista in questo caso sono davvero fuori luogo

    Ma che ci volete fare?? l’orgoglio che hanno per il loro genere le fa volgere contro qualsiasi cosa venga da loro considerata un attacco.

    Prendete coscienza donne… tutto lì.

  • Rob Von Soma_Cruz

    Sono fiero di aver dato fuoco ad una copia di cotanta materia fecale!

  • Ste

    Nebo rileggendo questo pezzo, mi ha ricordato questa canzone, non so se la conosci.. 😉

    • Altri tempi, frà.

  • Ste
  • Plitz Ese

    noto solo io la somiglitudine?