Cerca una pallina da golf, trova ritardati mentali

untitleda

Harleyville, Carolina del sud
1993

Wade L. Quattlebaum, 57 anni, vende auto usate e ha lo stesso titolo di studio mio, cioè quello di una falena che va incontro alla gradevole luce viola. Crede nel sogno americano, nel duro lavoro e nella truffa. Un giorno, mentre tenta di vendere un cassone immondo col contachilometri parruccato al signor John Green, lo sente lamentarsi di come abbia perso un’intera mattinata a cercare una pallina nei campi da golf. Qattlebaum nota una matrice: i giocatori di golf sono i più ritardati che abbia mai visto, così escogita un piano. Torna a casa, prende una vecchia TV con l’antenna regolabile, la stacca e la attacca a un portapenne. L’antenna va a destra e a sinistra in base a come inclina la mano. Soddisfatto, raggiunge l’ufficio brevetti e sotto il nome di Quadro Corporation registra Gopher, “the amazing golf ball finder”.

_77974236_gophercomp

Contatta John Green e gli racconta di questa sua fantastica invenzione.

«Bella storia» dice John «ma come funziona?»
«Intercetta le vibrazioni delle molecole ionizzate nell’atmosfera.»
«Ah, certo» fa John. Secondo lui la scienza è roba da segaioli con gli occhialoni che non vanno allo Spring Break, ma siccome non vuole ammettere di essere ignorante come una bestia la compra per 20 euro.

 

 

 

 

CJH_10th_green-1000x541

Campo da golf Hay, 9° buca
1993

«Porca puttana, e adesso dov’è quella pallina?» sbotta il signor Anthony Madison, presidente della Ninja Spurghi fognari, Inc. e capo di Green «impiegheremo ore a trovarla.»
«Stia tranquillo, capo» fa John, tirando fuori Gopher «con Gopher, il magico trovapalle, impiegheremo pochissimo!»
«Mah, proviamo» fa il presidente, colpito.

Dopo dieci minuti che vagano nella macchia, John Green è troppo terrorizzato di sputtanarsi l’occasione. Butta a terra una pallina appena il capo è girato e la punta con il Gopher: «guardi, eccola!»
«Strabiliante!» esclama il presidente, raccogliendola felice «quell’affare è incredibile! Dove l’hai trovato?!»
«È un’invenzione supersegreta di un mio amico, ex direttore della NASA. Intercetta le vibracole moleizzate dell’atmosfera catafrastica protocollo Trider G7 tu del cosmo imbattibile eroe.»
«Sì, sì, risparmia i dettagli tecnici, roba da morti di figa. Procuramene uno. Anzi, due. E considerati promosso ad aspiramerda scelto.»

Dozzine, poi centinaia di Gopher vengono venduti e tutti si reputano soddisfatti. Coi soldi Quattlebaum fa un video pubblicitario di quaranta minuti dove ne spiega il funzionamento. Gli incassi quintuplicano. Dopo un anno suonano alla porta.
«È lei il signor Wade L. Quattlebaum, CEO della Quadro corporation?» chiede un agente di polizia.
«Sapevo che prima o poi sareste arrivati. Ma dovete capire che la mia idea era uno… scherzo, ecco» pìgola Wade.
«Scherzo? Signor Quattlebaum, lei è un genio! Tutti i nostri ragazzi usano il suo Gopher!» gongola il poliziotto «Fa risparmiare un sacco di tempo!»

«…eh?»

«Davvero, fantastico. Ma siamo qui per farle una domanda tecnica. Ci hanno spiegato che funziona intercettando le vibrazioni magiche che tutti gli oggetti emettono. Conferma?»
«AHAHAHAHA SI» fa Quattlebaum. Poi, serio: «confermo»
«E dica, non potrebbe settarne uno sulla droga, per esempio?»

tumblr_inline_nqwe8bVXL61rw68ip_500

 

Wade L. Quattlebaum è costretto ad assumere del personale perché la domanda di questa stronzata sale alle stelle.

 

 

 

 

 

 

camp_creek_14_2

Campo da golf Camp Maylene, Beaumont, Texas
1995

Ronald Kelly, agente dell’FBI, sta mettendo la sacca da golf sulla golf car quando vede il suo collega, Patrick O’Malley, estrarre una Polaroid e fotografare la pallina.

«Scusa, zio, cazzo fai?» domanda.
«Non dirmi che non conosci Gopher.»
«No. Cos’è?»
«Dunque, fotografi la pallina da golf con una Polaroid, no? La ritagli, attacchi l’immagine a queste due pinzette e cammini. Metti che la perdi, l’antenna segnalerà in quale direzione è la pallina.»
«Ma vaffanculo» ride Ronald.
«Guarda che ‘sta roba è il futuro, imbecille! Funziona per qualsiasi cosa. Una bambina rapita? Foto, pinzette, risolto. Droga? Armi? Uguale. Ne hanno già acquistati a centinaia la polizia della Georgia, dell’Illinois, le scuole del Kansas e della Florida. Hanno fatto una prova in una scuola e l’antenna indicava degli studenti in macchina che muovevano la testa a ritmo di musica, loro quindi hanno ammesso di aver consumato della marijuana.»

 


«Ripetimi come si chiama» sussurra.
«Bè, questo è per il golf, si chiama Gopher. Quello in dotazione alle scuole e alla polizia si chiama Quadro tracker, che poi è prodotto dalla stessa azienda, ma settato su vibrazioni magiche diverse. Certo, quelli costano 955 dollari l’uno

Solo nel 1996 l’FBI decide di guardare dentro questi capolavori. Scoprono che non c’è nulla, diramano un comunicato e fanno domande ai colleghi che lo usano, i quali danno spiegazioni “ingenue o farneticanti. L’unica cosa su cui insistevano e da cui erano affascinati erano le foto con la Polaroid e le pinzette“. Incriminano Quattlebaum e la sua ghenga di rivenditori, tra cui spicca un certo Malcom Stig Roe, 68 anni, che dichiara di essere un ingegnere elettronico e di aver lavorato nei servizi segreti inglesi durante il servizio militare in medioriente.

È bidello in una scuola elementare.

Il problema è che nessuno degli ex clienti della Quadro corp. vuole fare la figura del coglione analfabeta, men che meno scuole e polizia. Tutti quelli chiamati a testimoniare si ostinano a dire che funziona. Quattlebaum&co. vengono assolti da una giudice particolarmente scaltra, di cui abbiamo un fotogramma mentre esce dal tribunale.

tumblr_nf2xb36QeQ1t4o62mo1_400

 

Appena mettono piede fuori dall’aula prendono il primo aereo disponibile ed espatriano in Inghilterra nel 1997. Qui Roe recluta il signor James McCormick, uno che ha mollato il corso di polizia senza finirlo. Lo nomina capo venditore. Grazie ai suoi contatti con gli ex-quasi-colleghi, McCormick si presenta con in mano “The Mole” (che oggi potete acquistare qui al prezzo di 8,000 dollari). Loro lo girano al quartier generale degli ingegneri militari in Chatlam, nel Kent, dove lui organizza una dimostrazione.

«Vedete come punta l’esplosivo?» dice McCormick davanti al tavolo di ingegneri.
«Cazzo, fantastico!» sbotta il responsabile della commissione «e come funziona?!»
«La tecnologia è segreta, naturalmente» stringe le spalle lui «sicurezza di Stato.»
«Ah certo, chiaro» annuiscono loro.

Non servono altri controlli.

McCormick firma per diventare agente rivenditore internazionale e mette il prezzo del Mole a 14,900 sterline. Grazie ai militari entra in contatto con l’industria delle telecomunicazioni e organizza altri spettacoli di magia e rabdomanzia dimostrazioni in tutto il mondo, dal Messico all’Uzbekistan. Quando un centro di ricerca sulle tecnologie sperimentali definisce “The Mole” una cagata ai limiti dell’indicibile, Roe non si perde d’animo. Stacca le etichette dalle scatolette e ci appiccica sopra GT 200. E siccome è una persona che fa più schifo delle offerte di lavoro di LinkedIN, fa il passo successivo.

«Raga, qua tira brutta aria, bisogna trovare acquirenti più scemi» dice Roe.
«Più di così?» domanda McCormick.
«Avremmo bisogno di gente che cambia governi e polizia ogni quindici giorni, con una popolazione ignorante ai limiti del bestiale, un’idolatria per le armi e che reputa la tecnologia una religione misteriosa. Dì la prima parola che ti viene in mente.»

 

 

 

 

 

 

dominican-republic-saona-island

Da qualche parte nella Repubblica Dominicana,
2003

McCormick osserva gli occhi timorosi e sgranati dei miliziani davanti a lui. Hanno AK47 sottobraccio e uniformi, ma lui ha già venduto la tavoletta oujia in versione dildo a gente ben più dura e scafata di loro.

«Osservate!» dice, inserendo la scheda nell’ADE 651 «ora ho inserito la scheda con le vibrazioni dell’esplosivo. L’antenna segnerà senza dubbio la bomba.»

Gira un po’, fingendo di seguire l’antenna, poi si blocca puntando un uomo. Quello scuote la testa. Di lato, un miliziano mostra la granata nascosta dietro la schiena. McCormick non si scompone. Si china a guardare l’ADE 651, poi scoppia a ridere: «Haha certo, ovvio! Ho sbagliato scheda! Vedete? Ho messo quella per gli elefanti. L’ADE in questo momento li sta rilevando a 30 miglia da qui, in Africa

Entusiasmo, applausi, pacche sulle spalle. L’uomo bianco ha nuovamente prodotto una potente magia. Ne comprano una dozzina a 14,900 euro l’uno. Trovato l’acquirente ideale, è il trionfo. Alla Zambia dice che rileva le zanne di elefante dei contrabbandieri. All’Uganda, i gay. Immagino questi che vagano con in mano un’antenna, puntano un tizio per strada e lo arrestano mentre quello urla “ma se mi sono scopato tua madre ieri sera”. La polizia aeroportuale del Kenya li compra a 5000 dollari l’uno. L’Africa frutta a McCormick somme incalcolabili. Nel 2005 ha una villa a Cipro, un maneggio di cavalli per la figlia, uno yacht chiamato Sunseeker costato 630,000 dollari, case nuove per parenti e suoceri e il suo grande vanto: il Midford castle a Bath, comprato dal bancarottaro Nicolas Cage per 3,5 milioni. Per anni questo imbecille e i suoi soci disseminano il pianeta di questi amabili giocattoli.

Poi succede tutto insieme.

 

 

 

 

 

 

2009

Ciudad Juarez, Messico
«Haha, vedi gli stereotipi» ride Ibanez, riponendo l’Alpha 6 «dicono tanto che Ciudad Juarez è un coacervo di armi, droga ed esplosivi, invece non rileva niente!»
«? Qué es?» domanda il vicesceriffo, indicando l’oggetto.
«Si tratta di un apparecchio magico che interc

Narathiwat, Thailandia
«L’area è sicura, non c’è nessuna bomba» dice l’ufficiale di polizia «dite ai civili che possono passare.»
«È sicuro, signore?»
«Chiaro, l’abbiamo passata tre volte con il magico GT 200. Ci sono costati 21 milioni di dollari, vorrei vedere.»
«Apposto raga, tutti avan

Jakarta, Indonesia
«Benvenuto all’hotel Carlton, signore» dice il portiere, perquisendolo con un’antenna.
«Cos’è quella roba?» domanda l’uomo.
«Serve ad assicurarsi che non abbiate esplosivi addosso.»
«Ah. E dice che li ho?»
«No» sorride il portiere.
L’uomo si guarda attorno, poi fa cenno al portiere di avvicinarsi: «Secondo me non funziona bene» gli sussurra all’orecchio.
«Come fa a dir

Guwahati, India
«Hai notato quel pacco sulla bicicletta?» domanda Sang al collega.
«Non sono mica stupido» risponde quello «l’ho passato tre volte sia con il GT 200 che con l’ADE651, l’ultimo modello che si sintonizza con le mol

Baghdad, Iraq
«Cos’è quell’affare?» domanda Jaffar.
«Rileva se ci sono esplosivi a bordo» risponde il poliziotto, puntando l’antenna sulla macchina.
«E quell’autobus è pulito?» indica Jaffar.
«Certo, ha passato 23 checkpoint. Noi abbiamo questo magico rilevatore ch

51ZhU

 

Quando nel 2013 McCormick viene arrestato insiste nel dire di essere laureato in psicologia. Poi, il giorno prima del processo, spedisce la matrice con cui fabbrica il congegno a Bucarest, dove se ne perdono le tracce. Il giudice gli dà 10 anni di carcere perché non c’è modo di calcolare di quanti morti è responsabile, e perché nessuno vuole presentarsi a testimoniare. Pakistan, Kenya, Libano dicono che per loro funziona. Il colonnello Pramote Pramin, Thailandese, dichiara che il suo funzionamento “trascende le leggi della scienza“.

È più facile truffare qualcuno che fargli ammettere di essere stato truffato.

Persino l’ONU ne ha acquistati e tentato di farli usare agli Stati membri. Quando però gli stimaticolleghi andarono dagli italiani dicendo che averlo era un must, e che oltre 20 paesi stranieri avevano già acquistato the wonderful ADE 651 noi rispondemmo…

asfsddf

 

Sarebbe da fare un film su questa storia, perché non è finita. Questa foto è stata scattata a Manila il 3 settembre 2015.

fake-bomb-detector-makati-gt200-2

Ovvero dieci giorni fa. Quindi se in qualche sperduto aeroporto del mondo vi puntano addosso un’antenna del televisore, avete una pregevole storia da raccontare agli altri passeggeri per rompere il ghiaccio.

  • Michele Da Campo

    GRAZIE!

  • Gianluca

    Un grande. Nebo, potresti anche scrivere qualcosa sul tucker/miniturbo/polarion

    • Avion

      Mah, la vicenda tubotucker è già abbastanza conosciuta e sviscerata. E’ meglio scoprire queste perle poco note.

  • Partito Liberale Italiano

    Stupendo come sempre!

    Da attaccare con le puntine da disegno sulla fronte di chi afferma “ah, noi poveri italiani che… all’estero invece…”

  • Vincenzo Capodivento (Kroneker

    Voi non capite un cazzo, non serve che funzioni, come i metal detector portatili e altri artefatti magici, quando sei in linea all’eaeroporto con una bomba , se vedi che usano delle bacchette magiche per ispezionare le borse iniziano a sudarti anche le palle. Gli agenti controllano le macchie di umidità mica la direzione dell’antenna.

    • penio

      A me sudano le palle di mio, ormai passo per terrorista onorario un po ovunque, pensa te

    • Angelo Sciancalepore

      E spendere milioni di euro in bacchette magiche senza pensare prima che potrebbero fare la stessa cosa(cioè giocare col fattore psicologico, come dici tu) in proprio e con spese pari a una frazione della frazione di quella fatta per farsi vendere paccottiglia con etichette sbrilluccicanti, è davvero una cosa troppo intelligente da fare per TANTISSIMI governi/enti/forze armate sparse in giro per il mondo?

      Evidentemente, sì.

    • Cimpy

      È anche la tesi di un italianissimo “passero”, di quelli che credono alla fusione fredda (via E Cat ma non esclusivamente), ai grafici che si autofalsificano parti [cambiando risoluzione e atterrando in documenti (para)scientifici], e alla “nuova medicina germanica”.

      D’altronde, quale Governo non sosterrebbe con milioni di euro una panzana? Quale lavoro scientifico non presenta grafici taroccati? Quale lernista non fonde a freddo? E che importa se non si può dimostrare che Hamer curi una cippa? L’assenza di prove (in qualsiasi direzione) per alcuni dimostra solo che tutto è possibile, persino che gli alieni abitino quotidianamente tra noi.

      Solo per dire che non è proprio vero che a nascere in Italia si è tutti necessariamente più furbi.

      Di passaggio, pare abbiamo dato i natali anche ad alcuni notevoli sostenitori delle scie chimiche, per non parlare del fatto che le nostre farmacie sono piene di prodotti omeopatici.

  • rottame

    Cioè, fammi capire, gli italiani non ci son cascati? O_o

    • You can’t fottere us because we are troppo bravi at fottere you.

    • Ugo

      Ma gli italiani non sono mica scemi.
      Sono solo molto corrotti.
      Se gli avessero dato la metà dei guadagni sarebbe dotazione standard di tutte le nostre forze armate…

      • Snì. Se c’avessero dato grandi tangenti ora li avrebbe tutto il mondo, ma noi no a causa di “troppa burocrazia” o altre balle del genere. Siamo un popolo con un’anima stramba e corrotta, ma a nostro modo ci vogliamo bene.

        • Il Giovane Dave

          Noi italiani siamo furbi, l’ho imparato dalle barzellette.

        • king fisch (karlonamed)

          ti amo.

      • ihaveadrin

        È l’ONU ad averlo offerto a militari che, sotto l’aspetto dell’addestramento, sono o dovrebbero essere (cfr. Nassiriya) i migliori o fra i migliori a mediare, a sapere come muoversi in ambienti di guerriglia, a trovare la verità o parte di essa quando i testimoni mentono e nessuno ha visto come sono andate le cose.
        Se lo offriva una grossa azienda di armi o forniture per militari all’Esercito o alle polizie, potevamo anche trovarcelo ‘ngoppa ai posti di blocco. È più difficile da noi però, perché non ce ne frega un cazzo, come società e quindi come forze dell’ordine, di quel trattamento omeopatico dell’ansia chiamato “security theatre”, quindi sonde, sondini e cagate varie le usiamo il minimo indispensabile, cioè che ne so, cani, scanner, metal detector fissi e rilevatori di polveri.
        Inoltre abbiamo molto culo (c’è qualcosa che o ci rende poco significanti per farci bombardare o molto temibili di trattamento Prodi per tutti gli immigrati che arrivassero dopo un attentato riuscito in Italia)

  • Franco Marcello

    Ci devono fare un film.
    Ci devono fare una trilogia!

  • Dorian Green

    [ Oh io ho disattivato AdBlocker ma basta pubblicità di Prestiti a Pensionati che la pensione me la sogno dannazione!!!11!1!! ]

    • Lohoris

      Io pur disattivandolo ricevo ugualmente il messaggio, boh.

      • Avion

        Succede anche a me, talvolta.

  • Avion

    Santo cielo, la faccia peggio del culo. Mi fanno talmente schifo che fanno il giro e quasi li stimo per come hanno capitalizzato la stupidità e l’ignoranza.

    • Alberto aka Jordi

      Parole sante

  • certo che siamo condannati come razza, cristo…

    • Angelo Sciancalepore

      Si trova su Ebay a 20$, e sì, in molti l’hanno acquistato per davvero.

  • Il Giovane Dave

    Ciao Nebo, sai mica dove comprare questo gopher?

  • Giuseppe

    Ho passato un po’ di tempo in Algeria, dove ci sono posti di blocco militari su tutte le strade, e in effetti a un certo punto sono comparsi questi aggeggi con l’antennino TV in tutti i posti di blocco, quindi suppongo ne abbiano acquistati a valangate. Ho chiesto spiegazioni e mi hanno detto che si sintonizzava sulle vibrazioni dalle molecole di esplosivo…. Dopo uno o due anni cominciarono a comparire articoli di giornali sulla truffa e piano piano sono spariti.

  • paolo

    Ti giuro che quest’estate in un merdoso aeroporto minore tailandese hanno usato una roba simile sulle mie borse. E io che mi chiedevo che cosa cazzo fosse…

  • Baboo85

    Siamo un Paese di truffatori, queste puttanate le annusiamo a distanza. Non le avremmo mai comprate, come Stato.

    Comunque questo tizio coi suoi collaboratori ha truffato oltre 20 Paesi nel mondo, guadagnando vendendo un pezzo di plastica con un’antenna tv, truffando polizia, forze dell’ordine, eserciti, ecc.
    Per 16 anni!

    Dovrebbe finire sui libri di storia…

    • BaffoS

      Se non ci finisce, è per un komblotto della bildeberg

    • akappa

      Ah, quindi Di Bella e VanHoly non erano italiani, capito.

      • ihaveadrin

        Di Bella ancora ancora, ma Vanoli? Ha preso soldi dallo stato per la cura a base di piscio?

        • akappa

          Ha ottenuto una sperimentazione ufficiale dal costo di qualche milione di €. Comunque io mi riferivo all’idea che noi italiani (come popolazione in generale) siamo “furbi” e alle truffe non ci caschiamo – comeno.

          • ihaveadrin

            Quello è Wanno Wannoni per Stamina, e lo sapevo, ma Vanoli? Quello dei meetup di bergamo, del piscio, dei vaccini… Non trovo la fonte, che abbia collaborato con la sanità.

            Ma secondo me il punto di Nebo rimane: è molto difficile per uno straniero architettare truffe in Italia senza solidi appoggi indigeni, al contrario di quello che puoi vedere negli aeroporti del nordafrica e del sudest asiatico. Le pubbliche relazioni ti portano ovunque dappertutto, ma in Italia ci si fa pure vanto e prestigio dell’americano “getting away with it”, e si trattano i magistrati come animali se s’arrischiano a condannare il delinquente, sempre perseguitato.
            Il proverbio “Ogni giorno nasce un cucco, beato chi se lo cucca” non esisterebbe senza nessuno che sia cucco, penso. Il punto non era dire che l’italiano è infallibile, ma che ci vuole un italiano per fregarne un altro

          • akappa

            Parlavo di Vannoni infatti 🙂 Vanoli per fortuna se lo inculano solo quattro fulminati dentro il M5S.

            Per le truffe non so. Io ho il sospetto che capacità critica nel riconoscere le truffe e grado di scolarizzazione siano in qualche modo legate: l’Italia ha una altissima incidenza di analfabetismo funzionale, dunque mi sa che gran parte della popolazione è vulnerabile a truffe come oggetti magici o cazzate del genere.

  • Non… non.. non ce la faccio.

    Improvvisamente mi sento un anellide.

  • griso

    Stupendo, la mia fiducia nel genere umano è incredibilmente diminuita ancora di più.

    Grazie Nebo

  • Ruggero Turati

    Ho iniziato a scrivere un commento ma mi venivano solo bestemmie.

    Posso arrivare a concedere che si possa inizialmente credere ad un drogadetector che funzioni a distanza molto ravvicinata, ma non posso credere che nessuno lo abbia realmente provato. E la storia delle polaroid non può essere vera. A questo punto tanto vale nominare il divino Otelma Ministro dell’Interno e ti garantisci copertura totale!

  • Davide Casadei

    Ci potremmo cercare i marò con quel coso.

  • king fisch (karlonamed)

    convinto che ci stessi prendendo per il culo…
    invece è tutto vero.
    ma dove le scovi ste storie?

  • Vito Nicola Mastromarino

    A me viene in mente washball di Beppe Grillo…

  • FJ

    Sarebbe finito tutto a vino e a tarallucci se soltanto, anni dopo, gli stessi italiani che son riusciti a non farsi inculare con l’alpha megawow sparaflash no bumbum si son presi il mega pacco con il tubo Tucker

    RIP

  • Alberto aka Jordi

    Grande Nebo , bellissima storia
    L’aspetto più agghiacciante rimane comunque constatare come la pubblica sicurezza si trovi nelle mani di colossali mentecatti , anche a livello globale
    Ridirei ancora più fragorosamente , se non fosse che l’allegra truffa è costata vite umane

  • E’ chiaramente la fiaba degli Abiti nuovi dell’imperatore:

    La fiaba parla di un imperatore vanitoso, completamente dedito alla cura del suo aspetto esteriore, e in particolare del suo abbigliamento. Un giorno due imbroglioni giunti in città spargono la voce di essere tessitori e di avere a disposizione un nuovo e formidabile tessuto, sottile, leggero e meraviglioso, con la peculiarità di risultare invisibile agli stolti e agli indegni.
    I cortigiani inviati dal re non riescono a vederlo; ma per non essere giudicati male, riferiscono all’imperatore lodando la magnificenza del tessuto. L’imperatore, convinto, si fa preparare dagli imbroglioni un abito. Quando questo gli viene consegnato, però, l’imperatore si rende conto di non essere neppure lui in grado di vedere alcunché; attribuendo la non visione del tessuto a una sua indegnità che egli certo conosce, e come i suoi cortigiani prima di lui, anch’egli decide di fingere e di mostrarsi estasiato per il lavoro dei tessitori.
    Col nuovo vestito sfila per le vie della città di fronte a una folla di cittadini i quali applaudono e lodano a gran voce l’eleganza del sovrano, pur non vedendo alcunché nemmeno essi e sentendosi essi segretamente colpevoli di inconfessate indegnità.
    L’incantesimo è spezzato da un bimbo che, sgranando gli occhi, grida con innocenza “Ma il re non ha niente addosso!”; una variante della frase fatidica è
    « Il re è nudo! »
    Ciononostante, il sovrano continua imperterrito a sfilare come se nulla fosse successo.

    • Ok, ma mica vuol dire che gli indegni ovunque non possano essere proficuamente turlupinati!
      Infatti, nella fiaba odierna diversi imperatori sono stati spennati come una fila di polli.

  • Dr. Terrible (Mauro Toffanin)

    Sublime come sempre ! 😀

    • Orazio Infrizzi

      Dr. Terrible ci incontriamo anche qui? Non la facevo uno stimatore di Proeliator.

      • Dr. Terrible (Mauro Toffanin)

        Proeliator è il mio momento di relax, un’oasi di pace per contrastare le orde di ignoramus che infestano il web. 😉

        Compagno massone, ti onoro con il segreto segretissimo saluto del NWO: il gesto del minnolo. 😀

  • Ryoga007

    Sconvolgente scoprire che non te la sei inventata

  • Pensate questo: se era ITALIANO, poteva essere minimo PARLAMENTARE.
    minimo.
    Per la collocazione, scegliete fra partiti che hanno blog sul complottismo sfrenato o partiti con presidenti che telefonano per salvare dall’arresto nipoti di Mubarak

  • Andrea Vitagliano

    Lo hanno smerdato anche in una TED conference, ma evidentemente non serve (i coglioni non guardano le TED conference e non leggono)

    https://www.ted.com/talks/michael_shermer_on_believing_strange_things

  • Stefano F.

    Avuto a che fare con questi aggeggi in Pakistan, in Algeria e in qualche albergo egiziano…

  • Sublime, ma da una razza che ha comprato i braccialetti Power Balance mi aspetto questo e altro.

    • Baboo85

      Funzionano. Almeno per me, che vedo i fessi che li comprano e mi faccio due risate 😀

  • Knicks fan

    In compenso ci hanno rifilato gli F35….

    ps: so che è un argomento caro a Nebo, ci servono anche degli arei, ma potevamo prendere qualcosa di più efficiente….

    • BoboMilano

      Tipo, gli F104? i Mig?

  • Baboo85

    Ieri mi e’ arrivata la mail di update da Disquis, intitolata:

    “Cerca una pallina da golf, trova ritardati mentali on Disqus”

    In effetti qui siamo in tanti 😀 😀 😀

  • Alex

    Uhm, in quanto agli italiani svegli che non si fanno ciulare…

    Memoria corta? -> http://archiviostorico.corriere.it/2002/ottobre/09/Una_truffa_magico_tubo_Tucker_co_0_0210094209.shtml

    O vogliamo parlare dei mentecatti che compravano il sale da Wanna Marchi?

    O dei “Rolex-sospirone-Daytona-sospirone-” del Baffo?

    Fortuna che stavolta hanno incontrato qualcuno con grano salis (o semplicemente fortuna che questi non hanno provato a corrompere il funzionario), perché non ci avrei visto niente di strano a vederlo in mano anche ai nostri…

  • BarneyP

    Il Quadro Tracker e’ il mio esempio preferito quando si parla di fuffa che ha venduto in tutto il mondo, e’ coperta da ben otto brevetti, ma non fa un cazzo.

    Consiglio la visione del video di James Randi, che racconta pure lui la storia documentata qua sopra, e drammaticamente vera:
    https://barneypanofsky.wordpress.com/2011/03/18/una-storia-incredibile/

  • Guglielmofe

    Dai tanto lo sappiamo che non l’abbiamo comprato solo perché non hanno “unto” abbastanza gli ingranaggi.

  • virus influenzale

    Ho dovuto spulciare le fonti una ad una per dimostrare a me stesso ciò che il mio cervello si rifiutava di accettare, ovvero che quanto scritto qui sopra, al netto delle licenze letterarie che fanno sembrare il tutto ancora più simile ad una commedia grottesca dei fratelli Cohen, è tragicamente vero nella sostanza.
    Sarebbe stato geniale se fosse stato falso: una parte di me ci sperava, che l’autore avesse attinto a qualche campagna di marketing virale e qualche notizia bufala, e le avesse mixate con notizie di attentati veri per scriverci un racconto.
    Ma la realtà ha messo la freccia e superato la fantasia. Pazzesco tutto.

  • ErPanza78

    AHAHAHAH

  • Constoignavia

    Comunque, caro Nebo, mi sembra che tu stia battendo la fiacca.
    Avevi detto che in estate eri particolarmente prolifico e invece col cazzo. CRIBBIO.
    L’ unica giustificazione che puoi avere è una ventenne ninfomane o una sana scorpacciata di simpatiche droghette.
    E non ce la menare con il lavoro o la pagnotta, per cortesia.
    Un caro saluto.

  • kindy troll

    Nessuno ha mai compreso la reale funzione del Quadro Tracker.
    Era un rilevatore di imbecilli, Quattlebaum è un eroe e il servizio reso all’umanità è stato enorme.

  • Gesùsiggnoreiddio, questa storia è vera…ho visto migliaia di volte usare quell’antennina e adesso so perchè. Mi sento piu’ scemo per proprietà transitiva…

  • Der Erlkonig

    La mia mente si rifiutava di credere che fosse una storia vera. Poi ho dovuto cedere, dopo aver cercato qui e là. Peccato che in alcune parti di questo godibilissimo testo ci siano delle frasi interrotte. Grazie per questa perla che fotografa la stupidità umana oltre alla sua incapacità di uscire dal preistorico tunnel delle credenze.

  • Lorenzo

    o santo Dio…credo che sarà l’unicvo truffatore del pianeta che riceverà una pacca sulle spalle dal padre eterno in persona mentre si compiscia dalle risate

  • diego
    • diego

      mi sei venuto in mente… l’articolo è di oggi, 04/07/2016

  • Pingback: Stanghe high tech - Ocasapiens - Blog - Repubblica.it()

  • Tobia Woss Ederle
  • Phate76

    Incredibile ma vero il dispositivo è ancora utilizzato oggi in Iraq.

    http://www.repubblica.it/esteri/2016/07/04/news/il_falso_scanner_che_proteggeva_bagdad-143424187/