La cravatta del diavolo

Milano 14 marzo 2007 Sede de Il sole 24 ore foto di paolo poce/emblema

Gaetano Ciconte, caporedattore del Fatto quotidiano, sta fissando da almeno mezz’ora la cravatta di Vitantonio Lopez, altro caporedattore seduto nel tavolo di fronte a lui, momentaneamente impegnato a scrivere messaggi porno a un’aspirante giornalista che gli ha concesso un pompino in pausa pranzo. Cos’è? Yves Saint Lauren? Gucci? Versace? Gaetano è distrutto dalla bellezza dei tessuti, i riflessi ramati dei gialli che risaltano il fermacravatta di Paul & Shark in oro.

«E se fosse Loro Piana?» mormora, mangiandosi le unghie «Hermés?»

Aggiunge i nomi alla lista. Cancella Gucci, serrando e rilasciando la mascella.
Lo riscrive. Non si sa mai, con Vitantonio.

«Cicciiii» esordisce Beatrice Borromeo, due postazioni più in là.

E’ facile vederla. Beatrice muove il collo come lo muove il pollame: cranio immobile, occhio spento, epiglottide semovente. Questo le ha permesso di avere grande successo in quelle discipline che richiedono un sapiente uso ritmico della testa, e non stiamo parlando di basi hip hop. Beatrice ama definirsi “nobile, ribelle, atea, di sinistra” perché “figlia di nobili miliardari in euro” suona borghese. Nella redazione, il suo collo sporge come un menhir. Gaetano ha imparato a ignorare la voce di Beatrice dal 2006. E’ pur sempre un uomo di sinistra, suo padre simpatizzava per le correnti rosse filoanarchiche e suo nonno faceva saltare per aria jeep tedesche. Oggi Gaetano lavora fianco a fianco una nobile oscenamente ricca e con un gran culo, ma deve disabilitare la ricezione audio altrimenti di notte gli vengono gli incubi di suo nonno che lo frusta.

«Cicciiiinoooo Gaetinoooo»

Lui si gira, inorridito: «Cosa c’è? Stiamo spiegando agli italiani i problemi della crisi, ti pare il tono da tenere? Sii cupa e seria, porca puttana»
«Ho un problemino con l’articolo che mi hanno dato»

Gaetano si guarda attorno. Sono le 14, tutta la redazione è impegnata a selezionare gli articoli da copiare e rivendere l’indomani. Sui monitor si vede Giornalettismo, Linkiesta, Lettera 43, Dagospia. Si va in stampa alle 17, c’è tempo.

«Quale articolo?» domanda, continuando a fissare Vitantonio.
Vuitton? No, troppo volgare.

«Quello sui giovanissimi» dice lei con aria corrucciata.
«Premi F8, ti appare l’archivio. Usa i tag movida, sballo, alcool&droga, mescola. Non servono nomi o fonti, basta una qualsiasi cazzata che faccia berciare la gente al bar. Ci riuscirebbe persino Travaglio»
Armani? Cazzo, potrebbe essere Armani.

«Ma io non voglio fare un articolo come gli altri! Vorrei qualcosa di più… shock, capisci? Che faccia meditare la gente sui brutti tempi che viviamo»
«Chiedi a Marco, io ho da fare»
No, il taglio è troppo moderno. Prada. 

«Travi sta fotocopiando i documenti dei tribunali che gli hanno venduto i giudici, è per il suo prossimo libro, quando fotocopia sai che non vuole essere disturbato» geme Beatrice, guardando verso l’ufficio di Sexytravi da cui proviene il lampo della Xerox. Gaetano sbuffa e si alza. Raggiunge la postazione di Beatrice, guarda il monitor.

«Allora?» chiede.
«Senti qui:

La delusione, per Mattia, è arrivata durante una festa di Capodanno, nella casa di un amico lasciata libera dai genitori, partiti per la montagna. I preparativi per festeggiare il 2014, in zona Navigli, promettevano bene:

«Con la montagna e i Navigli faccio capire che i genitori sono ricchi, quindi cattivi e disinteressati, e lasciano i figli a casa in balia del brutto mondo creato da Berlusconi»
«C’hai più soldi della banca d’Italia, tuo padre t’ha fatta girare per il mondo pur di non avere rotture di coglioni, il problema è che questi c’han casa sui Navigli?»
«Perché sei sempre cattivo con me? Io lo lascio, mi piace. Crea suspance. I genitori capitalisti…»
«Salta l’abominio che sta per uscirti dalla bocca e prosegui»

c'erano birre, vodka, canne, potenti casse per pompare la musica…

«Beatrice, l’unica che pompa potente qui dentro è… nnngh. No. Niente. Scrivi “la serata prometteva bene: c’erano alcolici, erba e musica”. E’ una delle tante feste adolescenti che si fanno dal 1950 in poi»
«Ma così non ha pathos!»
«No, così ha tanathos, nel senso che m’ammazzo di noia a leggere ‘sta merda»
«Io lo tengo. Poi:

e una trentina di amici tra i 14 e i 17 anni. Erano quasi tutti compagni di scuola, in un liceo artistico di Milano. E Mattia sbirciava per vedere se c'era anche la sua ex ragazza, con cui era uscito per qualche settimana, e che l'aveva da poco lasciato con un sms.

«“con un sms”» ripete Gaetano, meccanico.
«Geniale, vero? Con una frase trasmette come i giovani di oggi siano alienati dai cellulari e trattino i sentimenti in maniera fredda, meccanica» sorride Beatrice, sporgendo il mento.
«Mentre noi che nel ’70 ci schiantavamo di LSD e facevamo orge con sconosciuti credendoli il Grande Serpente Mistico eravamo sempre sul pezzo, vero?»
«Io non ho fatto il ’68, ho sciato ad Aspen e ho conosciuto Jay Z»

Dopo la prima puntata della nostra inchiesta sulle abitudini sessuali degli adolescenti, che si focalizzava sull'esperienza di un gruppo di studentesse di un liceo classico milanese,

1322616239204

«Cristo, l’abbiamo fatto davvero?» geme Gaetano.
«Certo! E’ stato un successo!»
«Siamo davvero finiti a scrivere racconti pedopornografici per stuzzicare vecchi debosciati in cambio di un euro e cinquanta a copia?»
«Non sono racconti! E’ giornalismo!»
«Tu non hai figli, vero?»
«No, ma che c’entra? Tanti qui li hanno e se ne fregano. Son cose che riguardano i… poveri, sai»
«Tu prega non esista l’inferno, o finiremo con stalattiti di fuoco a sventrarci il retrobottega»

il Fatto esplora ora un altro punto di vista. Quello di un 15enne - e dei suoi amici - che raccontano la propria difficoltà nel gestire relazioni basate sempre meno sui sentimenti, e lo spaesamento provocato dall'intraprendenza, talvolta aggressiva, delle ragazze.

«Che quindi sono tutte troie, giusto?» ammicca Gaetano, con un ghigno isterico.
«No, bè, sono tutte lolite arrapate sadomasochiste con le idee chiare, lo sballo, la droga. Insomma, il berlusconismo»
Una colica biliare fa piegare in due Gaetano: «’ntinua» ansima.

CHI VUOLE UN POMPINO? 

«Hai per sbaglio copincollato il titolo di una mail aziendale o cosa?» domanda Gaetano.
«Uffa. Vendeeeeee. Con le baby prostitute dei Parioli abbiamo venduto quasi le stesse copie dei tempi d’oro. Ricordati la linea redazionale: bambina scopata fa vacanza pagata. Se la gente lo vuole che male c’è?»
«Il fatto che esistano disperati non impedisce che gli scafisti vadano in galera»
«Che c’entra?»
«Andiamo avanti»

Passa quasi un'ora prima che Mattia incontri la sua ex. "L'ho vista ubriaca, che girava e chiedeva ad alta voce: ‘Chi vuole un pompino?'. È stata una cosa orribile, tristissima", racconta lui.

«Un ragazzo di tredici anni non pensa una cosa del genere, pensa a un modo per ottenerlo»
«Ma così crei l’antagonista! Giovani bambine assetate di sesso che vogliono violare l’innocenza di…»
«Di chi, di Jay Z?»
«Comunque lo tengo»

La parte peggiore però è arrivata poco dopo: "C'erano quattro ragazzi e due ragazze, tutti di 16 anni, che facevano le loro cose al piano di sopra. Toc. Toc. Toc... Il letto sbatteva contro il muro, era davvero fastidioso.

«Scusa, e le potenti casse che pompavano la musica? Se le sono ficcate nel culo, Beatrice?»
«Aspetta!

Abbiamo alzato la musica al massimo per non sentire. Poi la mia ex, che ha solo 14 anni, si è aggiunta a loro. A quel punto i miei amici mi hanno portato via, ero disgustato".

«I famosi ragazzi tredicenni in piena crisi ormonale che si ritraggono disgustati. E gli amici, che normalmente si sfidano a fare le peggio cazzate, qui invece lo portano via come maturi trentenni. Capisci che questa merda su un qualunque altro sito farebbe irrompere a casa dell’autore venti carabinieri padri di famiglia che massacrerebbero di botte anche il cane di porcellana?»
«Comunque…»
«Lo tieni, sì. Vai avanti»

LA DONNA IDEALE 
Mentre racconta la sua storia, diventa chiaro che Mattia non è il tipico liceale: beve poco, non fuma, è ancora vergine e soprattutto "mi fanno schifo quelli che escono con una tipa perché ha un bel culo. Io vorrei solo che fosse dolce, possibilmente simpatica. Che le piacesse la mia stessa musica, metal soft, che condividesse i miei ideali. Poi, certo, dev'essere carina, però non è quella la priorità".

tumblr_m77tctejAB1rqz17ho1_500

«AHAHAHAHAH HAHAHAHAHAH HAHAHAHA» ride Gaetano.
«AAA HAHAHA HAHAHA AHAHA HAHA AHAHAHAHH HHAHHAA HAHA» ride quello che fa le pulizie.
«AHAH HAHAHAHAH HAHAH HAHAHAH HAHAHAHA» ride Travaglio nell’altra stanza, crollando sul pavimento tra un’esplosione di fotocopie.
«AHA AHAHAH HAHAHA HAHAHAHA HHA» ride Vitantonio Lopez, cadendo dalla sedia.

Quando parla delle ragazze Mattia non vuole generalizzare: "Non sono tutte assatanate. Il problema è che più fanno cose elaborate a letto, più scalano la piramide sociale.

1797631_708243035863449_1702745911_n

Dall’esterno macchine inchiodano, da cui escono uomini e donne in preda a riso isterico. Un vigile lascia la paletta e si accascia a terra tenendosi la pancia. Una coppia, fuori da un bar, rovescia il tavolo afferrandosi la mandibola inferiore per paura si stacchi, mentre risate bestiali squassano le loro casse toraciche. Il telefono squilla, Gaetano risponde ridendo e dall’altra parte della cornetta c’è qualcuno che ride. Il fax comincia a cacare paginate di AHAHA HAHAHAH HAHAHA HAHAHA. Un elicottero si schianta ed esplode contro le vetrate dei palazzi da cui fuoriescono uomini in fiamme che cadono ridendo.

«Perché fate così?» domanda Beatrice, arrossendo «ho appena dipinto un bravo ragazzo di tredici anni che è introverso e sensibile ma si era messo assieme a una vacca d’assalto più grande di lui, succede in tutte le scuole medie»

Per questo passano la giornata a parlare di sesso mentre noi pensiamo alla musica, ai videogame e

tumblr_mqejgjdL8Y1rqfhi2o1_500

«AHAHA HAHAH AHAHAHA HAche poi sono quelli che li fanno suicidare o sballare con alcool e droga o alienare, giusto? AHAH AHAHA AHAHAHA HAHAHAHA AHAHA ODDIO BEATRICE AHA AHAHA AHAHAH SEI STUPIDA COME UN RASTRELLO STORTO»
«Volete smetterla?! E’ logico che un adolescente racconti queste cose a un adulto, specificando che a lui fanno schifo i ragazzi che escono con una solo perché ha un bel culo! Senti qui:

IL TERRORE - Avere a che fare con ragazze così aggressive è una costante fonte d'ansia. Per vari motivi: "Intanto non sappiamo bene cosa dobbiamo fare. Metti che ci andiamo a letto e va male: diventa molto imbarazzante". Soprattutto perché, conferma Mattia, "non fai a tempo a uscire dalla stanza che lei sta già messaggiando con le sue amiche per mandare un resoconto completo di tutto quello che abbiamo appena fatto. Descrivono ogni dettaglio e poi ti danno il voto, dicono se sei stato bravo o no. È davvero una sfida avere a che fare con queste cose".

«Beatrice, io capisco che siamo un branco di perdenti nell’anima che vivono nel tacito patto della mediocrità elevata a standard e viviamo per demonizzare l’eccellenza, ma è da prima di Cristo che se una donna scopre che un uomo a letto è una merda lo fa sapere alle altre» dice Gaetano.
«Ma loro sono bambini!»
«E quindi quale improponibile delirio politicamente corretto ha partorito il tuo cervello, oh mostrogallina? Che a tredici anni se uno entra-esce-aah le tredicenni se lo tengono per loro? In quale epoca, in quale Stato, in quale pianeta tutto questo è mai accaduto, vostra stupidità? Escludendo gli stupri in Afghanistan, dico»
«Sto solo dicendo quello che mi hanno raccontato»
«Sì? Abbiamo le registrazioni? Le sbobinature?»
«No, naturale. Ma fammi continuare.

È più sicuro, spiega, sperimentare con chi conosci bene: "Se l'hai appena incontrata va a spifferare tutto, ma proprio tutto, di sicuro. Il ragazzo che non riesce, o non viene, o non è particolarmente dotato vive poi nel terrore".

«Insomma cresce?» fa Gaetano, guardandola.
«No, anzi, rimane bloccato, terrorizzato dalle donne, complessato e frustrato. Diventerà un guardone che si eccita con le ragazzine»
«Hai appena descritto il nostro lettore medio» espira Gaetano, guardandosi attorno sconsolato.

I PRELIMINARI - La versione delle ragazze che il Fatto ha incontrato

«No, dai, va bene cazzari, ma “il Fatto ha incontrato” è oltre» fa Gaetano «tanto varrebbe photoshopparci su Marte vicino alla sonda Discovery»
«Non importerebbe a nessuno dei nostri lettori»
«Questo cos’è?» domanda Gaetano, indicando la fine del paragrafo»

Mattia spiega il sesso come se fosse uno tra i pochi ad averne colto l'importanza.

«Cos’ha che non va?» chiede Beatrice.
«”L’importanza del sesso” secondo chi, poiana dissenterica coi blasoni?»
«Bè, la gente normale»
«Tipo vecchi pederasti bavosi che ci leggono? O più tipo la nipote del presidente della Valentino con master a New York? Lasci l’iPhone sul tavolino quando vai in cesso, porca puttana, non dirmi che conosci il valore delle cose»
«Posso continuare?»

Ma non è il rischio di una gravidanza indesiderata a farlo innervosire: "Quello che davvero non concepisco è che si sia sverginata con un tipo, che tra l'altro ha davvero la faccia da stronzo, con cui è uscita per una settimana, che l'ha mollata per un'altra e poi è tornato da lei. E la sera stessa in cui si sono rimessi insieme lei c'è andata a letto, senza precauzioni e senza il minimo rispetto per se stessa". E per l'8 marzo, dice Mattia, non avrebbe senso regalare le mimose alle sue amiche: "I fiori non li vogliono. Le uniche ad apprezzarli sono le prof".

Beatrice si stacca dal monitor con un sorriso di trionfo: «Devo farti notare perché è geniale?»
«Sì, ti prego»
«La chiusa dell’otto marzo, che dovrebbe far meditare la gente sulla condizione della donna, ha senso solo per le professoresse, che sono colte ed etiche. Per le bambine di oggi quei fiori non hanno alcun significato e questo dovrebbe farci tutti meditare. E poi lui, che si dimostra maturo e responsabile quando dice “il rispetto per se stesse”…»
«Una frase comune in bocca a un adolescente, vero?»
«Certo!» dice Beatrice «cioè, così mi ha detto il bidello della scuola privata dove andavo da piccola quando l’ho trovato sbronzo al caffè degli Artisti»
«Giuro sulla tomba di mio nonno » dice Gaetano, asciugandosi le lacrime «siamo veramente le radiazioni che hanno fatto venire il cancro a ‘sto paese, ahahahaha hahahahaha ha» ride e piange coprendosi la faccia.

Si siede.

«Che fai, piangi? Guarda che un pezzo del genere farà riflettere molta gente!»
«SU COSA?!» ulula Gaetano, con gli occhi strabuzzati «DALL’ALTO DI COSA?»

«Bè… siamo giornalisti. Abbiamo l’obbligo di informare i lettori del fatto ch
«Ma smettila, dilophosauro Chanel, non vedi che hai appena cagato un abominio di moralismo sessantottino con più buchi di un eroinomane? E la cosa drammatica è che tu queste farneticazioni non le hai manco partorite di tuo, ti sono state ficcate dentro da anni e anni di bombardamento mediatico fatto da altri come noi che hanno perso coerenza, credibilità, onestà, ideali, ma continuano a ripetere le stesse stronzate da anni. Anni! Anni a ridere del moralismo di bocca di rosa e poi anni a linciare le olgettine! Anni a venerare Lolita e anni a linciare Ruby! Perché? Perché una donna di venticinque anni che ha tutto nella vita dev’essere tanto stupida e bigotta?»

«Ohè, voi due, calmini» dice Vitantonio, alzandosi e andandogli incontro.
«BIGOTTA IO?!» sbotta Beatrice «io sono apertissima, ma certe cose vanno raccontate!»

«No!» tuona Gaetano, alzandosi in piedi «gli adolescenti scopano. Mentono. Bevono. Fumano. Si drogano. Si picchiano. Muoiono. E questa è l’ultima speranza che abbiamo. Se gli adolescenti sono tutti come questo tuo fantomatico “Mattia” siamo fottuti»

«Ma che stai dicendo?»
«Ho detto calma!» dice Vitantonio, mettendosi di fianco.

«SVEGLIA, BARONESSA VON PARACULO. L’adolescenza della gente “normale” è ed è sempre stata una doccia di merda! E’ una trincea che macina suicidi, omicidi, dipendenze, incidenti, morti assurde, e questo la rende un brodo primordiale che forma le persone. Non è un colloquio di lavoro da modella con tuo zio presidente, cioè la gara di scatto coi tetraplegici. Nell’adolescenza la gente trova chi è, prova, sbaglia e ripete. Impara a gestire frustrazione, paura, delusione, gioia, solitudine. O meglio, lo faceva, finché non siamo arrivati noi col nostro ditino del cazzo a dire che questo fa male, che quello non va bene, che quello è sbagliato, impegnatissimi a fare gli stiliti dall’alto di nulla e a creare degli automi fragili come cristalli che se ricevono uno “stronzo” su un social network si suicidano. E facciamo la morale a ragazzini di tredici anni mentre noi a cinquanta ci crogioliamo degli incassi derivati da pedopornografia spacciata per informazione»

«E tu cosa ci fai qui, allora?!»

«Datevi una calmata» fa Vitantonio, sporgendosi e mettendo una mano sul petto di Gaetano.
«Sono qui perch

Gaetano si interrompe mentre l’occhio intercetta il microscopico logo sulla cravatta di Vitantonio.

 

mt26_MzyGwJHjGawcwybGlw

  • TuSaiChi

    Finalmente gli aggiornamenti mi funzionano… Primissimo! 😀

  • TuSaiChi

    Gran bel pezzo, bravo Nebo!!!

  • Michael Luconi

    uuuu finalmente una sborromeata, la attendevo da tempo 😉 grande

  • Sonny

    Stupendo

  • paperino83

    Tra l’altro ho come la sensazione che sia una bella papera questa Beatrice 🙂

  • Patta

    Sì, però la Borromeo ha un bel culo.

    • Harry Deekolo

      Direi “gran cavalla”, ma poi risulterei sessista e offensivo. Verso le cavalle, chiaro. Ne ho conosciute di molto più intelligenti della Borromeo.

  • Stavroghin

    “Un ragazzo di tredici anni non pensa una cosa del genere, pensa a un modo per ottenerlo”.

    Ti stimo tantissimo.

  • Harry Deekolo

    Cazzo, mi hai fatto pensare che, data l’educazione familiare, sarei dovuto crescere proprio come il Mattia del pezzo sborromeano.

    Dio (Anubi) benedica il mio compagno delle medie che mi passava i giornaletti porno rubati all’edicola dei suoi, mi ha salvato da una vita di merda.

    Ps: A Ne’, lo sai, si? Stavolta te fanno causa.

    Se serve un avvocato, fatti sentire!

    • Nebo

      Non credo, l’hanno talmente menata e rimenata col diritto di satira che sono sicuro la prenderanno sul ridere.

      • Pike

        Non vorrai aspettarti coerenza dal fatto, vero?

        Al solito, grazie per il post.

      • Tommaso Leso

        Secondo me la causa la rischi davvero. Comunque, capolavoro.

      • Alessandro

        Non credo, visto il pezzo scritto da Travaglio “A proposito di un’inchiesta”, che sembra proprio parlare del tuo articolo. Si sa che la nobiltà si offende facile facile.

      • Harry Deekolo

        Meglio così, come avvocato sono abbastanza una merda. Però ti avrei fatto un prezzo stracciato! 😉

      • PitonDead

        “venimmo vedemmo e lo inculammo” …

      • Avion
        • PitonDead

          parla di giorni, nebo ha pubblicato solo ieri.. probabilmente non è l’unico che ha espresso critiche a riguardo.

          • Avion

            Mi stupirebbe ci fosse qualcuno che NON ha espresso critiche. E discusso delle virtù di BB.

        • ilbis

          Spero che la merda torni di rimbalzo nella bocca già abbondantemente piena di sterco del Travaglio.

        • Stefano

          La chiusa dell’articolo è spettacolare:

          “Al Fatto siamo tutti orgogliosi di lei e felici di averla nella nostra squadra.”

          Con quel Q… ci credo.

      • Jay S

        Premio Pulitzer subito!!! Il problema di questi poveretti è che se loro diffamano è satira mentre se qualcuno li prende per il culo evidenziando le loro contraddizioni è diffamazione! Quello che manca a questi moralizzatori è la coerenza… “se lo faccio io posso perché ho le mie ragioni intellettuali che non puoi capire, se lo fai tu sei un rozzo immorale e meriti la gogna pubblica”!!!

        Hai tutta la mia stima e la mia solidarietà!!!

        PS: so che il post è di secoli fa ma ci sono arrivato ora andando a ritroso 🙂

  • Giacomo Dabisias

    Credo di aver letto l’articolo in questione sul sesso tra i ragazzini sull ‘internazionale, può essere?

  • Alex

    Sti articoli sono una badilata di merda. Però a parer mio per l’opposto di quello che tu scrivi qui sopra.
    Ovvero che per fortuna non tutti i ragazzini sono delle incredibili teste di cazzo dedite alla gara di chi scende più giu nella scala delle bassezze.
    Forse, Nebo, tu hai visto solo quello, esiste anche molto altro. Gente (si, di 15 anni) che magari la canna se la fa, quella volta al mese, che si sbronza pure, ma che crede nei sentimenti e che ha qualche valore, nella vita. Si, anche a 15 anni.

    • L

      Beh, per la verità, io sono giovane e sono sempre stato un Mattia al quadrato… mai fumato una sigaretta, mai sbronzato, mai cercato il sesso invece dell’amore (desiderato, sì, certo, ma c’è distanza fra istinto ed azione).
      La boiata atomica dell’articolo del Fatto su Mattia non è che non possa esistere, ma che nella vita reale un ragazzino del genere, che pur esiste, in una casa del genere non dico non ci entra, ma nemmeno ci si trova a 10 chilometri di distanza… forse perchè lui stesso non vuole (ma certo sarebbe tentato di curiosare, è un essere di carne e sangue, non puro spirito), ma soprattutto perchè come ben spiegato qua sopra da Beatrice, non si troverebbe certo in una simile compagnia (pesce fuor d’acqua non rende minimamente l’idea) e non avrebbe un’ex del genere (probabilmente, non avrebbe una ragazza fino a ben più in là con l’età).
      Resta poi il Fatto che è da quando ho imparato a leggere che i giornali periodicamente esplodono con simili “reportage” ma io, nonostante simili “argomenti scandalistici” siano un must in qualsiasi gruppo di adolescenti sia esistito esista ed esisterà nei secoli dei secoli, non ho mai sentito nulla del genere…
      Sì, ogni tanto viene avvistata qualche troia a fusione termonucleare, ma spettacoli livello Bollywood come quelli dell’articolo…
      La realtà in genere è molto più mediocre, nel bene o nel male… ma ha ragione Beatrice, cosa non si fa per vendere…

      @Alex: Tranquillo, se guardi i commenti, sospetto nemmeno l’autore del pezzo la pensi esattamente come Gaetano 🙂

  • Geeno

    Bah, con tutti i “giornali” idioti che ci sono (tipo repubblica, uno a caso,ma Il Foglio probabilmente è il top-shit) sei andato a prendere proprio Il Fatto, dipingendolo come un covo di ominidi della peggior specie. Dovresti prendere per il culo i giornali che fanno disinformazioni con i soldi pubblici, non di certo Il Fatto. (E i tuoi pezzi sul blog li ho letti dal primo all’ultimo).

    • Antani

      E mi sa che non li hai capiti.

    • Nicola Visonà

      E mi sa che sei nel posto sbagliato

    • Tommaso Leso

      Quali soldi pubblici? Quelli che non prendono più da 2 anni? Numi, l’ignoranza.

    • Andrea Bassolino

      Mi vai via così senza manco uno SVEGLIAHHH!!!11! ?

    • tonimola

      “Dovresti” Nebo, capito? Lui che ti paga lo stipendio ti spiega anche di cosa scrivere e magari ora ci dirà anche come…dai genio, facce ride…

    • ilbis

      Il Fatto invece fa disinformazione con i soldi di voi imbecilli radical chic “che guai a toccare Travaglio”. Ma finiranno pure quelli, prima o poi.

      • donnanotturna

        Grande ilbis !

      • SDB Plissken

        Dio cane. Un idolo per un altro… Poi ti permetti di chiamare “imbecille” gente a caso. Ripigliati. E tisanati, che sei nervosetto.

    • morteallacensura

      Lo sai che Repubblica e il Corriere non prendono più i finanziamentei pubblici da diversi anni?

  • Stefo

    bellissimo sto post!
    Grande nebo!

  • Avion

    1. Il moccioso comunque ha 15 anni, l’hai fatto regredire in corso d’opera.
    2. Sempre odiato mortalmente BB e la sua saccenza. Però ha un bel culo. E un bel faccino. La vedrei volentieri protagonista di uno snuff.

    • I_Andrea_I

      gesu avion trova una fica perdio che c hai la sburra che ti esce dalle orecchie ormai.

  • Rob Von Soma_Cruz

    Il fattore crravatta ha fatto molto American Psycho (il libro), complimenti Nebo.

  • Frigg

    A new Hero appear……….bello l’incipit alla American Psycho

  • Moby

    E’ in momenti come questi che rimpiango di non averti abbracciato a Mantova!

  • Stefano Ficca

    Quasi quasi metto questo post tra i commenti all’articolo… giusto per trollare un pò’

    • Sky Mind

      Cazzo un po’ con apostrofo e accento contemporaneamente non l’avevo mai visto. Complimenti!

  • Lorenzo

    Ma che è sta cafonata? Ma dall’alto di quale profonda conoscenza della mente umana e delle dinamiche adolescenziali siete giunti alla conclusione che sia tutto così “normale”, che sia sempre successo? Forse tra i vecchi bavosi c’è anche ci scrive descrivendo una realtà che non esisteva fino a 20 anni fa in Italia, perché semplicemente non ne aveva modo. E non ha nulla di normale, ma questo “Mattia” è esattamente l’esemplificazione della massa di disadattati che si è generata come conseguenza di una massa di ragazzine predatrici (ruolo biologicamente maschile) che genera maschi incapaci di assolvere le proprie funzioni sociali, culturali e relazionali. E di chi è la colpa? Di chi non fa valori morali, di chi non le chiama “massa di mignotte” come sarebbe giusto, appellandosi invece a una infondata e insensata libertà di fare ciò che si vuole. In ultimo la colpa è dei mass media che danno modelli sbagliati, ma soprattutto dei genitori che lasciano ai figli la libertà di fare ciò che vogliono (a 14 anni una festa con droga io me la sognavo, grazie a dio) dimenticandosi di insegnargli cosa è giusto e cosa vorranno (quando, finita la tempesta ormonale, cominceranno forse a ragionare). E in questo le vittime non sono solo i Mattia, di cui peraltro ce ne sono molti (ci ho a che fare ogni giorno), ma le ragazze stesse, che a 17 anni avranno scopato con più uomini di quanti ne conosco io che pure sono persona socievole: e nessuno di quegli uomini le vorrà, perché poi siamo tutti bigotti e nessuno vuole corna nascoste dal riporto, per cui o rimarranno sole o, cambiato ambiente, mentiranno. E mi direte che questo è sempre accaduto: vero, il problema è che da quota minoritaria ora si tratta di una larga maggioranza. Avete creato una generazione di infelici. Ecco, probabilmente dovreste sperare davvero che un inferno non ci sia.

    • Nebo

      /

      • Ahriman

        Dai, non fare il darwinista sociale di sta minchia solo perché in quel tritacarne tu hai “vinto facile” grazie all’aspetto e la faccia tosta. Sono prerogative innate, per quanto affinabili col tempo e l’esperienza, non è davvero il caso di fare i grossi per questo.
        Poi vabè, questo Lorenzo qui sopra deve darsi una svegliata perchè è una fighetta, ma accettare per normale una vasca di squali del genere non fa altro che rinforzare la merda che poi si ritrova nel mondo adulto.

        • Engine

          Quindi, essendo il mondo adulto una merda, la cosa più intelligente da fare è schermare gli adolescenti, che di lì a qualche anno saranno adulti, da qualunque merda.

          • ilbis

            Tali adulti sono preposti ad ispezione genitale sui propri figli una volta al di per verificare ci siano prove di frizione, auto od eteroindotta.

      • NotYet

        Ti leggo da sempre, molti dei tuoi articoli mi hanno migliorato le giornate, ho apprezzato e riso di gusto anche con questo. Però tentando un momento di serietà voglio chiederti se davvero condividi l’idea di Gaetano. Sono stato adolescente fino a un giorno e mezzo fa, ricordo com’è e in linea di massima sono d’accordo con quello che dice Lorenzo. Pensi davvero che gli adolescenti abbiano gli strumenti a disposizione per tornare in carreggiata da soli, a tempo debito e capire quali cazzate sono state fatte, se il contesto culturale in cui vivono li sta portando sempre più a fare cose che non desiderano? Senza stare ad implicare variabili psicologiche di sta minkia, io vedo sempre di più una società che offre dei modelli che tutto meritano tranne che essere imitati. E qua ci vedo solo una spaccatura maggiore tra il Mattia di turno (per portare quell’esempio, per i motivi illustrati da Lorenzo, non mi pare un ritratto plausibile e veritiero, ma lo userò per comodità) e la massa di gente che deciderà di continuare a far cose a caso semplicemente perchè “tutti lo fanno” senza fermarsi un attimo su cosa vogliono davvero e perchè. Vorrei sapere il tuo parere onesto, che vada un po’ oltre il solito “ce l’abbiamo fatta tutti, ce la faranno anche loro”. Saluti!

    • eritreocazzulati

      cioè… tu scopi con gli uomini ?

      • virgola

        Bellissimo nick! :))

      • ilbis

        Bannato da Il Fatto ? Io un paio di volte, alla redazione non anadava giù che i commentatori segnalassero che una loro blogger, tale Nadia Somma, si fingesse un’utente e commentasse i propri articoli su Donne di Fatto (altra bella sezioncina spargimerda). Pensa te la credibilità.

    • Gianca

      Porcoddio, a “ruolo biologicamente maschile” ho sperato fossi un troll. Poi ho capito che sei solo un ultraconservatore ritardato. Peace, love e continua pure a votare Rauti.

      P.s. Nebo io ti amo in maniera virile ed eterosessuale.

      • ilbis

        Deve essere il tipico esemplare che si spippola con le ragazzine e va a troie con moglie e figli a casa.

      • 13VRZ

        Rauti è morto. Pace all’animaccia sua e famiglia.

    • ilbis

      AHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHA

    • gallo

      volevo risponderti nel merito,ma dopo aver letto 2 volte quello che hai scritto(oggi non ho davvero un beneamato da fare) ho realizzato che la migliore risposta è la fragorosa risata di @ilbis e a quella mi associo

    • virgola

      Scusami, non sono riuscita più a concentrarmi per finire di leggere il tuo intervento dopo la frase “la colpa è di chi NON FA valori morali”.
      Che vvor dì?
      Ahahahhahaha

    • 13VRZ

      Ma sti cazzi al quadrato.
      Avresti potuto riassumere così:
      http://3.bp.blogspot.com/_8yhWP-9kKf4/TPgRg3C_UEI/AAAAAAAAAB0/7Xz6rXBCzLI/s1600/Cesugli+rotolanti.gif

      Le ragazze affette da mignottaggine son sempre esistite, talune si sono calmate, altre hanno continuato e in età adulta ne sono ancora affette. Embè?
      Il mondo è tondo e chi non sta a galla va a fondo.
      Come questo fantomatico Mattia, che se dovesse davvero esistere, avrebbe le carte in regola per diventare un serial killer.
      Save yourself!

  • Pike

    Ma io avevo letto solo la prima parte di questa “inchiesta” e credevo nebo la stesse parodiando.
    Invece l’ha scritto davvero.
    L’ha scritto davvero e gliel’hanno pubblicato.
    Cazzo.

    • Alberto Massidda

      uguale io

  • Burgundi

    Dio abominevole. Sono un insegnante di un istituto superiore di Mestre. Ri-Dio abominevole. Adesso stampo questo cazzo di capolavoro e domani mattina faccio volantinaggio in sala insegnanti. Dio amobimevole. Scusa le bestemmie e tutto.

    • nereus

      ma vedi di fare almeno decentemente il tuo lavoro di merda va.. ho capitano di sto cazzo.

  • ElGatoMato

    sempre bei pezzi e ben impostati,al lavoro leggendolo stavo rotolando giu’ dalla pedana.Bravo Nebo!!!!!

  • Claudio

    Voglio una legge elettorale con le preferenze e senza simboli per scrivere sulla scheda elettorale “NEBO”, cazzo

    • Sergio Raimondo

      […]”NEBO”, cazzo[…] senza punteggiatura avrebbe tutt’altro significato! (anche se starebbe benissimo su una scheda elettorale)

  • Pongo Hell Yeah

    Ma LOL! Nebo, chiedigli se possono citarti: un po’ di pubblicità male non fa!

  • lolol

    voglio un crossover Gaetano-Banana, ti prego in ginocchio!

    • Frigg

      Gaetano-Lucrezia Banana

  • Nuvola Nera

    Non ho mai seguito un blog, ma credo che dopo questo pezzo letto per fato, questo sarà il primo.

  • Tommaso

    La combinazione “SEI STUPIDA COME UN RASTRELLO STORTO” e l’immagine sotto del tizio che muore dal ridere non ha fatto altro che rendermi un’esatta replica di quest’ultima gif: se il tuo intento era questo, good job!

  • qaz

    Grazie, cazzo. Grazie.

  • Travaglio ti vuole querelare.
    Io ti sostengo alla grande 🙂

  • Kuma (quello vero)

    Complimenti.

    Scritto da dio.

    • Mark Tawin (version cochon)

      Je est d’accord 🙂

    • Daje Kuma. Difendiamolo!

      • Kuma (quello vero)

        Forte coi forti e gentile con i deboli.

        Come non potrei?

        Daje

  • Mark Tawin (version cochon)

    Quando leggi questi articoli pieni di satira ed evidenti sputtanamenti di controsensi, ti rendi conto che quelli del Fatto, tra moderazioni incomprensibili, termini vietati e snobismi alla “noi siamo noi e voi non siete un cazzo”, hanno RIDOTTO i loro utenti a mere macchine da click.
    E nemmeno pagate.

    A proposito, “Fatto Quotidiano”, potrebbe essere un lapsus freudiano ?

    • Io non mi capacito di quello che è successo. Trovo assurdo che Travaglio non ritenga gli articoletti della Borromeo spazzatura purissima (ma vabbe’, la soglia dello schifo ce l’ha alta considerando che pubblica pure la Clavarino e quella che parla solo di vibratori), trovo assurda tanta violenza verbale e le minacce.

      «Cristo, l’abbiamo fatto davvero?» geme Gaetano.
      «Certo! E’ stato un successo!»
      «Siamo davvero finiti a scrivere racconti pedopornografici per stuzzicare vecchi debosciati in cambio di un euro e cinquanta a copia?»
      «Non sono racconti! E’ giornalismo!»

      Il succo è tutto qua. È talmente palese che trovo la Borromeo indifendibile.

      • Mark Tawin (version cochon)

        Di giornalisti ne ho incontrati di tutti i tipi, dall’infimo al bravissimo. Questo fa parte del “pluralismo” che pur essendo a volte un concetto troppo ampio, ci permette comunque di valutare e giudicare in una sana competizione.

        Forse dobbiamo maturare noi “utenti” e, al posto di fare interventi comunque , credendo di portare il nostro “contributo intellettuale” poco o tanto che sia, lasciare desolatamente vuoti di commenti gli articoli che riteniamo inutili e/o capziosi.

        Come diceva Andreotti, e lui se ne intendeva, nulla è più feroce di un assordante silenzio.

        Non che abbia inventato nulla; nella cultura islamica, tanto per precisare come ogni piccola parola abbia un senso ed un risvolto, una persona che ti da un “no” ad una tua richiesta, non è una persona completamente disinteressata: Solo il silenzio è un no definitivo 🙂

        • ilbis

          Una stronzetta paraculata viziata ricca sfondata con la erre moscia che gioca afare la compagna non fa affatto parte del “pluralismo”, ma del “raccomandatismo”.

          • Mark Tawin (version cochon)

            “raccomandismo”, arte italiaca antica.
            Sai qual’è il problema? E’ che da noi, tutti, dal rione, al quartiere, al paesello, alla cittadina, eccetera eccetera, abbiamo i nostri raccomandatelli e paraculati di turno.

            Il motivo “principe” per il quale alle amministrative, chissà perchè, i risultati sono quasi sempre stranamente “diversi” dalle elezioni statali.

            Motivo per il quale Renzi non vuole le preferenze, ma “piccoli collegi dove si possono scegliere le persone”. Chiamalo scemo; conosce bene l’andazzo.

            Forse ci vorranno generazioni….

          • Der_Mario

            Un po´di rispetto per quelli con la erre moscia. Ce l´ho pure io e vorrei mi venisse riconosciuta l´invaliditá 😉

      • ilbis

        A proposito della Clavarino
        “momentaneamente impegnato a scrivere messaggi porno a un’aspirante giornalista che gli ha concesso un pompino in pausa pranzo.”
        Potrebbe essere.

  • (Io solo un problema c’ho. In ufficio ho la porta alle spalle. Quando leggo questo blog, se il mio capo entra, vede due fighe depilate come prima cosa e non è il massimo. Rido.)

    • Kuma (quello vero)

      In effetti …

      • tonimola

        Si tiene a mezza finestra e si scrolla subito fino al post…eddai no, che vi devo insegnare tutto!

        • Aho, con calma. Ce devo pia’ la mano.

        • Kuma (quello vero)

          Io ho il mio ufficio personale, parete alle spalle: non fosse per questi maledetti occhiali a specchio, sarei a posto …

          • Gli occhiali a specchio in ufficio?

          • Kuma (quello vero)

            Scherzo 😉

    • Avion

      Nonostante lo sconcerto iniziale, credo di iniziare a maturare affetto sincero per la signorina sulla sinistra.

      • Avion

        ffuuu volevo dire destra

        • Avion

          E ora, daje de destro.

  • Baboo85

    Tanta saggezza…

  • Gato de Ulthar

    Grazie,mi hai rallegrato la giornata.

  • Bastian

    Che bello, trovo qui metà dei lettori abituali di FQ (molti di essi li saluto volentieri). Trovo però esagerato l’accanimento contro la BB.
    Mica è colpa sua se ha intervistato uno dei tanti ragazzi che ancora non ha ancora chiarito la sua identità di genere e l’orientamento…

    • ilbis

      Non ha intervistato nessuno la Sborromea, è solo una porca, oziosa perbenista

      • Bastian

        Esagerato, io lo trovo comunque piacevole. Mi sembra di tornare a 25 anni fa e alle rubrichette di “Cioè”.

        • ilbis

          In effetti sì, ha un bel culo.

  • virgola

    No, vabbè. Io la puntata del metallaro sensibile me l’ero persa apposta, la ritrovo qui e…ahahhahaah…ma ma….ahahahha
    Bravo! Hai dato forma ai pensieri di molti di noi! :))

    • ilbis

      ..

      • virgola

        ahò, padre pio spacca!! ahahahah

        • Avion

          Sciacquati la bocca col sapone, questo è FRATELLO METALLO.

  • donnanotturna

    Grazie Niebbo . Era da tempo che questa gallinella nobilastra meritava una lezione . Mi auguro che non indietreggerai di fronte alle minacce del travagliato . Quello che il signor Travaglio ha scritto a proposito del tuo post e’ di una gravita’ inaudita , molte persone dovrebbero cominciare a riflettere sulla natura giustizialista di quest’ uomo .

  • Jordi

    Comunque,caro autore,a Travaglio della Borromeo importa poco o nulla,lui ce l’ha con te per un semplicissimo motivo:avergli ricordato la sua amicizia con certe toghe(di cui taccio i nomi) ,che gli passano informazioni,e il calo di vendite del suo giornale
    E’ stato infastidito dal contorno, insomma,non dalla portata principale
    Per quanto riguarda l’eventuale querela ti esprimo fin da subito la massima solidarietà
    Ho trovato il tuo post esilarante 🙂
    Saluti

    • donnanotturna

      Mi associo alla massima solidarieta’ in caso di querela ed invito altri a fare altrettanto.

      • Io solidarizzo dalla Spagna con amore.

        • donnanotturna

          Grazie , non ne dubitavo .

    • gallo

      quoto tutto

    • ilbis

      Veramente Il Fatto Quotidiano ha un calo di vendite ? Spero chiuda o sia costretto ad appellarsi ai finanziamenti pubblici o vendersi il buco del culo alle agenzie pubblicitarie. Se lo merita, cazzo.

      • Jordi

        Basta cercare i dati ADS,c’è una fortissima disaffezione

        • ilbis

          Speriamo che questa cagata della Sborromea sia un ulteriore colpo d’ascia.

      • donnanotturna

        Se lo merita tutto .

  • La Setta Sabottiglia

    Caro Niebbo, ti ringrazio per le risate che mi hai fatto fare, davvero.

    E, nel caso la Bibì ed il Travaglio decidessero di querelarti, sappi che hai tutta la mia solidarietà, quella delle mie risate e probabilmente quella di tutti coloro che reindirizzerò qui.

  • PitonDead

    citando un grande film… “venimmo vedemmo e lo inculammo”

  • Giorgio Marini

    Capolavoro tra capolavori

  • Federica Bimbi

    Ecco, ottimo. Ora minuti di raccoglimento pensando alle adolescenza tristi tristi di chi vuole querelare uno per un pezzo così.

  • Kuma (quello vero)

    In effetti, la foto con le due tizie ha un effetto ipnotico.

    • virgola

      Secondo me è l’associazione figa/chupa chups 😉

      • nico

        ehi! in ottima forma, vedo 😉

        • virgola

          Sempre in forma smagliante 😉

          • nico

            solo adesso capisco la dinamica del disqus;-) praticamente si cambia solo camera con chi ci segue loool

  • polar78

    Occhio ragazzi, che vi bannano dal Fatto! Paura, eh?

    • Se mi bannano dal Fatto mi fanno un favore. È una perdita di tempo infinita.

  • Teofrasto

    Non so se travaglio ce l’avesse con te, fatto sta che non ti conoscevo, a volte da un male può nascere un bene. Che ce l’abbia con te è una ipotesi venuta fuori dai commenti. Io penso invece che ce l’avesse proprio con chi commenta i suoi articoli. Non è la prima volta che lo fa.
    Lo fece in concomitanza con l’attacco di grillo ai cosiddetti troll. Sembrano muoversi in sinergia.

  • Quodd

    Mmh…ma quindi la marca della cravatta? Valleverde?

    • Nebo

      Valentino.

  • Thor-ir

    Niebbo, ringrazia Travaglio che ti ha portato un sacco di nuovi lettori! Ringrazialo a modo tuo naturalmente 😀

  • KoRRo

    epico, come sempre…
    ah, tra l’altro ho già finito il libro, complimenti vivissimi anche per quello…

  • Vy

    Faccio il giornalista dal 2002. Ogni bravo giornalista sa che quell’inchiesta del Fatto è un cumulo di stronzate. Si vede da come è confezionato il pezzo. Solo che non lo dirà mai. Perché è questo quello che siamo, bugiardi con la licenza di mentire.

  • l3v1stus

    Nomination istantanea come Miglior articolo ai Macchianera Italian Award 2014

  • Der_Mario

    Ma soprattutto, cosa sarebbe il metal “soft”?

    • Nebo

      Tipo il porno senza organi genitali né penetrazione.

      • EiElBiAi .

        La definizione più azzeccata, potente e precisa di sempre.
        Al pari dell’articolo!
        Bel lavoro Nebo 🙂

    • 13VRZ

      Già che ascoltare metal nel 2014 è piuttosto preoccupante.
      Forse ascolta gli Europe, che ne so?

  • arciere

    sono ignorante: qual’è la marca?

    • Nebo

      Valentino.

    • abiron

      E la lingua invece, qual è?

  • Lorenzo

    Preciso in partenza che io ho 17 anni e…
    Sti cazzi se hai ragione.
    1) In totale accordo con l’articolo. Ma sai quale è il problema?
    Io ci ho riso, ci hanno riso i miei amici a cui lo ho passato e insieme MAGARI abbiamo veramente riflettuto, prima di passare a programmare le stronzate del week-end.
    Il punto, è che non raggiungerà quelli che ne avrebbero bisogno, appunto quelli descritti nell’articolo.
    2) Beh, c’è da dire che non mi erano arrivati questi articoli con dei deficienti che vogliono proteggere noi povere merde.
    Sarò vergine, ma ciò mi rende una testa di cazzo, secondo loro?
    LOL.
    3) Soft-Metal che cazzo mi sta a significare? Lo hanno scritto sul serio?

    • Bruce

      ho avuto 17 anni anche io, non molto tempo fa, e da appassionato di metal (allora) il solo pronunciare “soft metal” mi avrebbe fatto cagare liquido a spruzzo per settimane senza interruzione

    • Nebo

      Credo siate perfettamente in grado di proteggervi da soli, Lorenzo. Come credo che a 13 anni un ragazzo/a esce di casa con la testa e ci torna boh, forse sui 20 a dir culo. Tutto quello che succede non può essere valutato, compreso o capito da gente che non ha quell’età da troppo tempo. Siete in un’arena tutta vostra, e a 33 anni mi ricordo ancora che razza di macelleria umana fosse.

      Di conseguenza, nobildonne di 25 anni che hanno sempre avuto la pappa pronta che si mettono a giudicare voi, magari mettendovi in bocca cose che non avete mai detto, non si possono vedere.

      In bocca al lupo, frà. Ti aspettiamo fuori con la camicia, la cravatta e un sacco di casini diversi.

      • Nuvola Nera

        Nebo, ti stimo per aver circoscritto con tanto rispetto in questa frase delle “arene” un periodo che mi ha fatto soffrire enormemente, al punto che ancora oggi, vagando in me stesso trovo crepe e crateri risalenti a quelle assurde battaglie.

        A te, Lorenzo, raccomando di non mollare mai per nessun motivo e ti profetizzo che un anno dopo la fine del liceo sarà tutto diverso e continuerà a cambiare.

  • Bruce

    Nebo dio maledetto grazie, te lo dicono tutti ma grazie

  • NappiaGufo

    Farti i complimenti è così banale… Un vaffanculo lo accetti? Porca troia, Nebo sei un genio! Ecco, vedi? Ci sono cascato anche io!

  • squeeze

    Sei un dio

  • ConteZero76

    30 anni dopo Mattia, numerario di Comunione e Liberazione, morirà vergine… suicida per coprire le spese pazze di un alto prelato che andava a dodicenni.

    G.D.E.

  • Ingegno_Delle_Scale

    Bel pezzo. Tra l’altro io a 13 anni per sfogare le frustrazioni ascoltavo la musica più estrema che trovavo. Un pre-adolescente che si butta sul “metal soft” sarà mica la normalità? O peggio, la nostra speranza in un futuro migliore?!

  • Flavio Boffi

    Credo di parlare a nome di tutti (o quasi): grazie! Dal profondo del cuore.

  • brahda89

    ti prego, se mai dovessero pseudo minacciarti e fossi costretto a toglierlo….SALVALO. carica quest’articolo su torrent o emule se vuoi fare l’hipster, ma non farlo morire. sei un artista, il Michelangelo della “penna”

  • Armilio

    Sono contento della pubblicità che questo post ti sta facendo Nebo, però lo trovo un goal a porta vuota quasi sbagliato.

    Ora lo so che questo è un blog cazzone e fiero di esserlo, però il vero problema degli articoli della Borromeo non è il moralismo, ma la mancanza totale di giornalismo. Perché non è vero che è normale che 15enni facciano orgie: nel senso proprio di probabilità che accada. Poi che sia nei sogni di tutti è un altro discorso. Più dell’articolo su questo fantomatico Mattia CLino io ho riso molto con l’articolo sulle ragazze che arrivano dalle amiche urlando “mi hanno stappatooooo!”. Se esistono sono casi eccezionali, perché io non ne ho mai viste così (e nasco e cresco nella peggior periferia milanese).

  • corvocalvo

    Questa notte bagniproeliator.it risultava non raggiungibile. Ho avuto paura e ho pianto. Non fate mai più scherzi del cazzo come questo. Poi nel sonno ho sognato di SexyTravy che ti inseguiva brandendo un enorme dildo fucsia mentre gridava: “voglio il tuo culooo! Voglio il tuo culooooooo!”

  • playmaker
  • tuttocorsivo

    l’ultima parte è fantastica.
    tutte le finzioni crollano e Gaetano smette di essere se stesso ma diventa solo l’avatar di quel briciolo di coscienza che il giornalismo costringe a battere sulle strade ad un euro e cinquanta a copia è degno del teatro wagneriano.
    Nebo ora che hai scritto un libro vogliamo anche l’opera teatrale.

  • Chiara

    Insieme a Travaglio, Vitantonio, Gaetano ed all’uomo delle pulizie in quel punto son caduta anch’io dalla sedia, sei geniale. Purtroppo ironizzare con il Fatto è peggio ancora che con gli animalisti. Preparati come minimo a sborsare un po’ di soldi. Se però vuoi fare crowdfunding per le spese legali io ci sto, per quest’articolo decisamente ne vale la pena.

  • Gianni Gipi Pacinotti

    Dacce l’iban per pagarti gli avvocati. Io lo farò.

  • Paolo Reale
  • Greed89

    Articolo fantastico! Mi ha fatto ridere un pasto. Io da adolescente non sono stato uno scavezza collo, e me ne pento ogni giorno che passa. E se non fossimo così moralisti del cazzo, avrei raccontato ben volentieri dei pompini che ricevevo e facevo allegramente dalle medie in su.
    A parte questo, l’articolo di quella lì, è un abominio di scemenze, dio sporco, gli adolescenti fanno poco sesso e quel poco che fanno, lo fanno pure senza protezioni perché porco iddio, l’ora buca di religione non viene usata per un servizio utile, come educazione sessuale e distribuzione gratuita di condom.

  • Gabriele Rent-Boy Mariani

    Che bello potermi vantare di averti “conosciuto” da prima di questo post. E di aver acquistato il tuo libro prima di questo post. E di “conoscere” uno che scrive post talmente stilosi da far incazzare quelli che non sono capaci di scrivere cose davvero stilose.

  • Deli

    American Psyco?

  • Pingback: Bollettino di guerra 005 – Movimento dei Caproni()

  • 13VRZ

    Condivisibile. E’ un bell’involucro, con la fissità tipica dello stolto e l’acume di una paralume
    Vado dall’ortolano, va!

  • Sono commosso dalla bellezza di tutto ciò. Kudos.

  • Pascal Brax

    A scanso di equivoci… Beatrice Borromeo è questa topa pazzesca qua?

  • Cortissimo

    UN MONUMENTO, anzi, DUE o meglio un gruppo scultorei con te che calpesti le allegorie del cretinismo e del politicamente corretto. ….magari ci starebbe bene anche un po di napalm.

  • alé, capo entra in ufficio esattamente quando apro la tua pagina. fiche depilate, lollipop, ed F16. il capo esce dall’ufficio dicendo qualcosa in tedesco, bianco in volto. ne é valsa la pena NEBO 😀

  • Francesco

    premetto che non ho letto i commenti quindi ci sta che già te l’abbiano passato. comunque anche questo è un capolavoro, sulla stessa strada: http://www.lercio.it/sesso-tra-vecchi-le-80enni-raccontano-se-non-ti-togli-la-dentiera-sei-una-sfigata/

  • Pingback: La prova costume del Fatto Quotidiano | Il Pacco Quotidiano()

  • Cancro

    C’è da dire, però, che mi fratturerei il cazzo a furia di pomparglielo nel culo, alla Borromeo.

  • qaz
  • Sexytravi

    Sexytravi.

    Capolavoro senza tempo.

    Grazie Nebo.

  • Lorenzo Meulli

    A mesi di distanza ho riletto questo brano e ho pensato a questa frase:
    “….e questo la rende un brodo primordiale che forma le persone….”.

    Minchia, davvero un ottimo lavoro eh? Vista la gente che ne esce dubito la validità del metodo in questo momento xD

  • nereus

    Avrei proprio voluto vederti da puttanella ingoiatrice di gruppo per formarti della tua personalità, peccato aver mancato cotanta opera formativa..

  • Louis Tesso

    sappi che sono qui solo per fare in modo che dalle tue statistiche google risulti che un hit l’hai avuta dalla chiave di ricerca “ho scritto che tu sei uno sballo sul tavolino di cristallo”

    santiddio che discorso lungo… scusate

  • Barney

    solo alla terza ripassata ho colto la perla degli stiliti…nobile sport, continuo ad allenarmi.

  • Pingback: "Sex and the teens" quello che non sapete degli adolescenti()

  • Alberto Massidda

    Bellissimo

  • GiMa

    0 commenti!?!?!?

  • Brisso

    siamo venuti tutti qui da hookii? 😀

  • Viki Benefico

    io però non ho capito perchè ce l’hai con i vecchi debosciati che si arrapano con racconti pedopornografici. che male c’è a sognare una quindicenne che te lo ciuccia

    • È narrativa.