Fuck yeah, Ikea

98013b648630f68982394ab0b508d46b

Domenica mattina. Tempo di dormire e scopare e dormire e
«Dobbiamo comprare le cornici per la casa! Fare il gallery wall! Arte! Design!» grida la mia soave compagna, poi mi spara il caffè in faccia, sporge dalla finestra il cane, ne spreme il contenuto sulle strade sottostanti e possiamo partire per l’Ikea.

Parcheggio tra un SUV con la targa tedesca e una Porsche con targa spagnola. Prendo il carrello e avanzo tra falangi di gente mai vista per strada. È come se un’occulta organizzazione terroristica allevasse queste creature e poi, all’alba, le riversasse qui. All’improvviso realizzo che l’organizzazione potrebbe essere la figa.

«OH AMORE GUARDA» dice una voce maschile alle mie spalle.
Mi giro.

Fail-GIF-2015

 

Il tizio muore sull’asfalto nell’indifferenza generale. Le porte a vetri si spalancano con uno sbalzo termico di 59°. Un’allegra armonica suona un motivetto dagli altoparlanti. Il lampadario Splokkenbeurk di carta igienica a 22 euro e 49 centesimi! Mi precede una famiglia di bomboloni. Lui con la faccia che poi vedi sul Gazzettino sotto il titolo “uccide la moglie e fugge in Moldavia”, lei una medusa di stracci neri e stivaletti modello Joe Tempest con tacchi rinforzati titanio, preceduti da due palle di lardo alte mezzo metro che producono più rumore dell’intera industria siderurgica.

«MAMA GWARDAMI!» barrisce un botolo, poi galoppa verso un letto matrimoniale, inciampa nel tappeto di fintomontone e plana su una poltrona distruggendo lampada, tavolino, cornici, lampadari. A manina, un putto alto sessanta centimetri ulula come una sirena antiaerea. Una ragazza zompetta in una cucina di 4mq:

«Marika, tocco i due lati! Fammi una foto!»

314cfe19e1f22197fce0c6e412387c16

 

Una vecchia di età presocratica tenta di sedersi su un divano ecopelle e piazza una brena tale da costringere lo staff a rendere inagibile il reparto. Una coppia di gay limona in centro corsia da quarantadue minuti, guardandosi attorno nella speranza qualcuno si scandalizzi o dica qualcosa di omofobo. Una sessantenne sciabatta dentro tacchi 12 di tre numeri più grandi lanciando occhiate maliziose. L’armonica suona felice. Sono all’inferno.

«Ti piace quella camera?» domanda la mia donna.

ikea-2014-bedroom

Sì. È meravigliosa. La voglio. Voglio le lampade da prendere a testate tutte le mattine quando mi alzo e gli spigoli dei comodini altezza gengive quando mi giro. Voglio i deliziosi cavi in bella vista. Voglio il letto pro-ana in truciolato che se pesi più di un bambino del Botswana cede. Voglio i lampadari di carta a ricordarmi che di solido, nella vita, non ho nemmeno la luce. Voglio copriletti bianchi, tappeti bianchi, cuscini bianchi, tende bianche, vasi bianchi, affinché appena torno da un lavoro precario io abbia la gradevole sensazione di precipitare nel vuoto. Solo quando mi assalirà l’horror vacui potrò guardare le ragnatele e scoprire che in realtà dormo in uno sgabuzzino.

«Hai di meglio da proporre?» domanda la guardiana dell’utero.
Mostro la foto nel cellulare.

Lauren-Port-Palace-Bed-mahogany

«Sì vabbè, ciao nonno» sospira, tirando dritto.
«Una camera così ci costerebbe un terzo.»
«Tappeto zebrato incluso?»
«Ma perché voi donne vi fissate sulle puttanate?! Sto dicendo ch
Eccoci nella sezione salotti.

«Casa nostra sarà bianca con dettagli neri e rossi» dice una trentenne con la faccia da gangbanger, passandomi di fianco. Mi domando quale mente malata possa arredare casa ispirandosi alla sbarra di un passaggio a livello, ma subito
«A me piace uno stile molto particolare, sai» dice un’altra in felpa Gucci.
«Che tipo?» domanda il marito.
«Eh… Ho un sacco di idee, ho un dono per l’interior design» fa lei.
«Sìsìsì, figurati se penso tu sia una di quelle che vedono due foto su Facebook coi mobili di vernice scrostata e i fiorellini, leggono shabby chic e si credono arredatrici d’interni!»
«Ha ha ha» ride lei.
«AAAAAAHAHAHAHA MAGARI I MOBILI FATTI COI BANCALI DEL CAZZO HAHA HAHAHAA E LE GABBIETTE DEGLI UCCELLINI AAAAHAHAOHOHO QUALE TROIA DEMENTE POTREBBE MAI VOL
Lei gli spacca un vaso in testa.

Al bar vedo un’altra coppia. Lei tirata come fosse al matrimonio della sorella, lui pantaloni della tuta e scarpe collezione Prophughy 2003. Doppio passeggino coi loro trofei da scopata, uno s’è cacato addosso, l’altro vuole il saccottino. Ta ta tararà, tararà ta, canta l’armonica. Intere tribù in processione sono accorse per esprimere un parere su un salotto che, montato a Milano, crolla alla prima scossa di terremoto in Basilicata.

«Su questo non puoi dire niente» dice la mia consorte.

de2d5ac8643aefbec1ace39c652b6982

Ma infatti.

Immagino la delizia di stare disteso lì, tremando a ogni scricchiolio del divano col terrore gli scaffaletti soprastanti crollino uccidendomi. La lettera Z in acciaio, lassù, vigile, pronta a conficcarsi su chiunque osi ruttare troppo forte. La lampada di plastica col cavo che pesa più di lei e come tenti di accenderla ti arriva in faccia. In questo salottino si respira l’epica del quarantenne felpa&canna che dai bastioni del suo castello respinge l’assalto delle responsabilità.

«Dai, proponi, invece di fare il disfattista» incrocia le braccia la suggitrice.

75a8b313991bdd2ddc8fbbc09a2214da

«Oh, tesoro, ma certo» mi abbraccia «poi quando tornerai dai campi i nipotini ti chiederanno di raccontare la guerra di Albania.»
«E allora viviamo nella rete delle palline del McDonald.»
«No, meglio nel delirio di un vecchio latifondista del 1800.»
Ta ta tararà, tararà ta.

Su una scrivania, un uomo della mia età è a pecorina mentre un commesso gli stantuffa nel culo un martello pneumatico con la punta a pugno. La moglie gli accarezza la testa e lo tranquillizza: stanno acquistando il sublime divano BUDDAK, millesettecento euro per plastica, truciolato e pregiato acetato cinese. Terminato il pagamento ci si siedono sopra e il Buddak si rompe in tre pezzi, ma per quel breve istante hanno assaggiato il paradiso. Un ragazzo prende un deodorante per ambienti, lo esamina con attenzione, estrae un accendino.

«Voglio vedere se è davvero infiammabile» dice, poi si immola.

Siamo qui dentro da due ore. Ormai ho raggiunto una sorta di torpore atarassico, niente m’importa, ho solo fame e voglia di andarmene. Usciamo nel parcheggio con due tappetini per il bagno, canovacci e stracci, attaccapanni, una bottiglia, un set di bicchieri.
E nessuna cornice.

 

Torneremo domenica prossima.

  • Quantic Foam

    nel soggiorno del quarantenne cannarolo c’è la gabbietta. tout se tient 😉

  • Diego Piacentini

    Adesso mi sono innamorato del salotto stile vecchio latifondista.

  • mao

    campi di cotone… campi di cotone ovunque!

  • Giovanni Villa

    Non appena compri il divano in stile latifondista, in aggiunta ricevi anche quaranta acri di buona terra in una colonia oltremare.

  • Marco Manconi

    Mi hanno detto che in Svezia c’è un tasso altissimo di suicidi e alcolismo, se è vero forse ora capisco il perché.

  • andrea
  • Grazie, avevo bisogno di TE <3
    Mi hai risollevato la settimana intera.

  • 6seth8

    Io adoro l’Ikea, ma sono donna, quindi non vale

  • Rockmaninov

    “collezione Prophughy” è da sballo 😀

  • Chocolater

    Bello il salotto da latifondista, hai un dono per l’interior design.

  • A-non

    Io ci ho lavorato un paio di anni all’Ikea (Padova per la precisione..)
    All’epoca non era nemmeno malaccio lavorarci, trattamento ottimo dei dipendenti, spazi relax, premi, regali, feste tra colleghi.

    Peccato che a metà giornata, avrei voluto essere Vasquez e con in mano il M56 Smartgun, sfoltire la massa di ritardati alle casse al grido di “Let’s Rooooooooock”

  • Pasquale

    OPULENZA
    altro che latifondista, quello sembra il soggiorno della dimora estiva di di Arthur Aitken

    • E che non ho messo quella che mi piaceva anche di più.

      • Rob Von Soma_Cruz

        ghe sboro

      • Laurelion

        Prego notare il toro…

  • Harry Deekolo

    È stata una pessima giornata, ma me l’hai risollevata, soprattutto con la parte del pugno nel culo.

    Grazie.

  • Tezskjo
  • Alberto(Jordi)

    Falsissimo
    Ma sei andato all’ikea di corsico ?
    Vabbè , cmq a mio avviso hai fatto male a trasferirti

    http://mestre.veneziatoday.it/nuda-mcdonalds-corso-popolo-28-marzo-2016.html

  • Nicola Togni

    “Torpore atarassico” mi sa di Autodafè.

  • Lorenzo Rotesi

    All’Ikea mettono nei condizionatori dell’aria una sostanza che fa sì che tutte le donne trovino fondamentale comprare e portare a casa qualsiasi oggetto che abbia più di tre consonanti nel nome.

  • cello

    NEBO ESCI LESTO IL NOME DELLA TETTUTA NELL’HEADER PER FAVORE

    • Juxhin Deliu

      DICCELO

  • Fabio Lord Phobos Bolzoni

    “In questo salottino si respira l’epica del quarantenne felpa&canna che dai bastioni del suo castello respinge l’assalto delle responsabilità.”

    Testa di cazzo.

    • Hahahaha non c’avevo fatto manco caso <3

    • Sara Bersani

      Dov’è l’errore ?

      • Fabio Lord Phobos Bolzoni

        Nell’animo cinico e malvagio del mio negro.

  • Dr. Terrible

    Una vecchia di età presocratica tenta di sedersi su un divano ecopelle e
    piazza una brena tale da costringere lo staff a rendere inagibile il
    reparto.

    Ah la saggiezza popolare di un tempo: “chi non brena in compagnia o è un ladro o una spia”.

    • Lore

      Ma anche tu qui?

      • Signor Carunchio

        Più di un butacchiano bazzica questi malfamati lidi. 😉

        • Lore

          Good 🙂

        • L’Idiota Zen

          Adoro il degrado dei bagni proelatior

          Mi sono pure comprato La storia la fanno gli idioti.

          • Signor Carunchio

            Nebo scrive quello che accade in giro per il mondo. Alla sua maniera, che mi piace moltissimo, dice la verità anche quando la inventa, senza tanti fronzoli. Erasmo da Rotterdam ne andrebbe fiero, anche se non abbiamo a che fare con un pazzo. (o forse sì?)

          • L’Idiota Zen

            Nebo adesso vive a Milano, rischiamo di trovarcelo ai party di Corona che sbava dietro alle simil Belen..

            Certo che se pensi a un lagunare a Milano ci sarebbe da scriverci una collana.

        • daemonip83

          O ma allora?? tutti qui? XD

      • ? Dr. Terrible

        Ho anche il poster di Nebo (che fa la duck-face) appeso in cameretta 😀

  • Laurelion

    «Oh, tesoro, ma certo» mi abbraccia «poi quando tornerai dai campi i nipotini ti chiederanno di raccontare la guerra di Albania.»

    «E allora viviamo nella rete delle palline del McDonald.»

    «No, meglio nel delirio di un vecchio latifondista del 1800.»

    Lollare forte.

  • Ruggero Turati

    Letti e divani MAI all’Ikea! Costano il triplo di quanto fanno schifo, ed è tutto dire!

  • Djeug WiKo Vuillermoz

    mondo convenienza caga in testa all’ikea. 3 anni fa ci ho arredato la casa dove sono in affitto con due spicci