Mad Max – Fury Road (aka Furiosa – Road to hell)

Mad_Max_Fury_Road_Poster_USA_02_mid

Fury road è un film splendido. In quanto a dialoghi, scene, montaggi, visione d’insieme è un trailer di due ore. Nessun respiro, nessuna pausa se non quella necessaria a evidenziare il drop successivo, solo azioni che si susseguono a un ritmo isterico. Alcune scene sono velocizzate anche troppo, ma siccome l’ho visto in 3D potrebbe essere un effetto suo. La colonna sonora è l’equivalente melodico di un machete che striscia contro una portiera arrugginita, s’incastra da Dio nelle scene evidenziandone follia e frenesia. L’ambientazione è coerente coi capitoli precedenti di MM e segue le grandi paure del tempo in cui è girato. Il 1979 era terrorizzato dalla droga. Il 1983 e il 1985 della guerra fredda. Il 2015 dal terrorismo religioso.

Riguardo ai cattivi, dopo Toecutter

BN-IL154_hugh2_G_20150515113342

Humungus,

THE ROAD WARRIOR (aka MAD MAX 2: THE ROAD WARRIOR), Kjell Nilsson as 'The Humungus', 1981, ©Warner Bros. Pictures

Smegma e Gayboy berserker

MadMax_VernonWells

era dura. Eppure questi cattivi sono più mostruosi, più osceni e anche più spaventosi. Una menzione speciale va a tutta la sottotrama dei figli della guerra. È bella, intelligente, ben raffigurata. Ti viene raccontata da dialoghi veloci come missili, e te ne dà sempre la giusta dose. Tutti i tempi, in ‘sto film, sono impeccabili.

E poi c’è lei.

Itytm0aPLmql

 

Furiosa meriterebbe un capitolo a parte. Io non so cosa si sia calata Charlize Theron per recitare ‘sto film, ma è oltre. Credibile, stupenda, ben definita e recitata da premio Oscar. In un film dove i dialoghi starebbero in una pagina, lei con gli occhi scrive romanzi. Fa tutto lei. Un personaggio granitico e implacabile come il camion che guida, dove il sangue è la benzina e la carne è l’acciaio. Non è erotica. È solo puro, assoluto carisma.

A me ‘sto film è piaciuto tantissimo forse perché ha investito più nelle idee che negli effetti speciali. Le lance esplosive. I porcospini. Le classificazioni in ottani. La religione. Fury Road gronda idee, anche difficili, cosa oggi praticamente scomparsa nei blockbuster che devono essere comprensibili anche al cane dello straccivendolo. E funziona alla grande. Inoltre ha mantenuto quel filone turistico del Mad Max 2, dove il protagonista con la scusa di sopravvivere ti conduce attraverso un’umanità surreale quanto plausibile. Il venditore d’acqua radioattiva, il matto col deltaplano, il bambino scimmiesco, il nano coalizzato col down, il prigioniero che ha ucciso un maiale per sfamare i figli in un mondo dove la merda è oro, i bodybuilder usati come argani, i deformi, i pervertiti, quel circo della carne le cui microstorie ti fanno stare con un sorriso incredulo pensando “è assurdo, ma potrebbe essere”. Anche su questo, uguale.

Ecco, l’utero geriatric armada no.
Quella non potrebbe essere.

Sarebbero state tutte stuprate, uccise e ristuprate nel giro di pochi minuti. A me va bene tutto, ma una vecchia che fa a pugni a mani nude con Riktus Erectus

maxresdefault

e lo stende, no. Ho poi scoperto che in USA erano terrorizzati all’idea il film fosse bollato come sessista e hanno assunto una femminista come consulente. Il che spiega molte cose. A parte la slinguata alle nazifemministe, comunque, il film è perfetto.

 

 

 

 

 

…solo che non c’è Mad Max.
Non c’è l’uomo impazzito che guida la V8 e la cui follia suicida incuteva timore e incredulità nei cattivi. Non c’è l’occhio azzurro sbarrato di Mel Gibson. C’è solo Tom Hardy con lo sguardo di chi cerca un cesso con urgenza e che in ogni inquadratura sembra chiedersi cosa cazzo ci fa lì. È un manichino taciturno in mezzo a mostri urlanti, bodybuilder maneschi, fiche imperiali, guerriere mutilate con braccia meccaniche, masse tumorali deambulanti, nasi d’acciaio, obese allattatrici, denti di proiettili e chitarristi ciechi appesi a delle funi su un carro di percussionisti. Se il film si fosse chiamato “Furiosa – Road to hell” e avessero tagliato via il simil-Max, per me il film ne avrebbe guadagnato.

È un film eccezionale e va visto per migliaia di motivi. In top three, la Theron in stato di grazia, la scena della tempesta di sabbia e i figli della guerra. Volete un film grandioso? Andatelo a vedere. Volete vedere in film avanti di dieci anni rispetto a quelli di oggi? Andatelo a vedere. Vi piace l’immaginario di Mad Max? Andatelo a vedere. Volete il caro, vecchio, folle Mad Max che terrorizza Nightrider correndogli incontro e fissandolo?

 

 

Sad-nod-COLFERAnch’io.

  • Non so se sopravvivo all’attesa fino a Mercoledì <3
    ogni recensione ho un obelisco di Karnak fra le gambe, dall'hype

  • Richard Smith

    Stranamente però la consulente femminista non ha per niente rovinato il film. 😛

    • ArmandMilieu

      Richard, non so se sei ironico, ma quel pezzo di Nebo sulla vecchia l’ho trovato poco adatto — più che altro perché, a sentire Nebo, le vecchie han ruoli poco credibili, mentre invece a me è sembrato il contrario.

      A me le vecchie son piaciute e le loro scene d’azione sono state quasi tutte di fino (cecchinaggio, guraigione, trasporto… un po’ di sballottamenti a destra e a manca). Solo un pugno in un episodio, ma, nella fantasia di Nebo, quel pugno si è trasformato in un “l’ha steso”. Invece, era solo un pugno che ha causato un attimo di disorientamento nel bersaglio. Roba da poco, insomma.

      Invero, non si capisce perché la società dei bambini di Mad Max 3 non desta scalpore, ma quattro vecchiette hanno un’entry tutta loro, che sembra dire: “era tutto credibile fino a questo punto; le vecchie mi han rovinato la suspension of disbelief — colpa delle solite femministe”.

      Beh, Cribbio!, a me ste vecchiazze brum-brum son piaciute e non han fatto neanche troppe capriole.

      …E dire che a me interessa relativamente poco il femminismo e giuro che questa recensione resta un gioiello che apprezzo — purtroppo rovinato dalla classica bagarre del tipo “le vecchie le han messe lì per forza perché gli è toccato per colpa delle femministe”.
      …Cioè, il tizio 90enne con le pallottole al posto dei denti va bene perché è masculo, ma quattro vecchie che sparano due colpi di fucile sono troppo fantascienze per i nostri gusti.

      Ma vaffanculo va’ [vaffanculo amichevole — n.d.a]. Se fossero stati 70enni maschi, Nebo avrebbe scritto lo stesso paragrafo? Dubito.

      • Richard Smith

        No, non ero ironico. Quando lessi che aveva partecipato una femminista mi aspettai il peggio, soprattutto considerando le recenti correnti stile “all men must die”. Invece no, mi sono piaciute le vecchiette, mi è piaciuta da morire Furiosa e mi sono piaciuti i grugniti di Max.
        George Miller ha tanto da insegnare ai registi attuali, erano anni che non vedevo un film cosi, mi sembrava di essere tornato bambino. 🙂

      • TOP

    • Piangernaik

      Il regista è stato molto bravo ad arginare i danni che la sua consulenza avrebbe potuto fare. Parliamo di quella che ha scritto The Vagina Monologues, e ho detto tutto. In un mondo dove se non lo ciucci al pubblico liberal-nazifemminista il film non lo fai, poteva andare molto, molto peggio.

      Certo, in un film su Mad Max mi sarebbe piaciuto vedere Mad Max, ma pazienza. Mi consolerò riguardandomi Max Mad: Even Mad Maxxer, al secolo Kenshiro. Dove le donne sono donne, gli uomini sono uomini, e tutti gli altri sono morti.

  • Mad Mestre, Terraglio Road.

    – Amirami, 50 boca 100 ottani.

    • Rob Von Soma_Cruz

      Diocan <3

    • Gianluca Zamagni

      MAESTRO

  • Mad Jack

    Condivido soprattutto l’ultima parte riguardo l’assenza di Mad Max.
    Da fan accanito ammetto,nonostante gli orgasmi multipli provati durante il film,di aver provato un certo tipo di insoddisfazione nel veder come l’attenzione fosse focalizzata su Furiosa (cioè va bene che è cazzuta,moncherina, femminista e quello che vuoi,ma ho atteso 30 anni per vedere un nuovo film su Mad Max,per cui caz**, mostrami qualcosa inerente a lui!). Sembra quasi che Miller abbia sfruttato il nome di Mad Max per creare hype e propinare un film in cui non è presente.

    Dal momento però che (notizia confermata) quel testa di bue di Hardy ha firmato per un paio di altri film di Mad Max,potrebbe anche darsi (Leggi:”SPERO!”) che le prossime pellicole siano più incentrate su Rockatansky (mi accontenterei di questo,perchè per essere migliori di Fury Road, non saprei proprio cosa Miller dovrebbe tirar fuori dal cilindro)

    Una domanda:
    Dove ravvisi la paura per la guerra fredda nel 2° e 3° capitolo?

    SPOILER

    Non so te Nebo,ma quando ho visto la V8 sfasciata per 2 volte di seguito,a momenti mi parte l’infarto.

    • Sì, è fastidiosissimo.
      La guerra fredda la vedi nell’esorcizzare l’olocausto globale che ne seguirebbe, secondo me. Così come la droga, nel primo, rendeva pazzi e insensati.

  • Munky

    Ora faccio il nerd al cazzo: l’attore che interpreta Toecutter nel primo, è lo stesso che interpreta il cattivo di questo film.
    A me questo Fury Road è piaciuto che porcatroia rivado la prossima settimana perchè è TROPPO.

    • Mattia @_Triplo

      Olà Munky, chi si vede da queste parti.

      • Munky

        Okay, quali dei tanti Mattia tu sei?:D

        • Mattia @_Triplo

          Eh eh, triplo su twitter e 400c 🙂

    • Harry Deekolo

      QUEL Munky? Cinque alto & abbraccio virile (no ghei), bro! Porcatroia se non ci torno anch’io la settimana prossima!
      Per me è il film della vita, dopo essere uscito dal cinema ce l’avevo così duro da non riuscire più a sbattere le palpebre!

      • Munky

        Cinque alto anche a te! Vah quanti calcisti qui da Nebo

  • Munky

    E ci aggiungo che porcatroia, a Miller la V8 deve stare proprio sul cazzo (e chi ha visto il film SA)

  • Queenbee

    “anca al can del strassaro” 😀

    • QUEENBEE!! Sei viva?!

      • Queenbee

        Si, ho anche ripreso a scrivere un po’ nel blog 🙂

  • Franziskaner

    Most. Epic. Movie. Of. 2015.
    Non ho altro da aggiungere.
    Anzi, sì, concordo con tutta la recensione da te fatta, Nebo, ma se si estrapola questo film dal contesto di Mad Max e si prende come “nuovo personaggio” quel mattacchione di “Massi er Matto”, si tollera la sua performance da attore, per il semplice fatto che, a suo modo (mio modesto parere), la pazzia del personaggio la interpreta abbastanza bene: concetti verbali soppiantati da grugniti e cenni, scatti di violenza, corsa e dinamismo da schizofrenico, il cinismo di chi non pensa altro che a sè stesso e alla propria pellaccia (vedi quando lascia appiedate le fiche+Furiosssa). Poi vabbè, incontra lo sguardo-da-mille-parole di Charlize e pare si “umanizzi” anche lui.
    Insomma, nulla a che vedere con Mel Gibson, sia chiaro, (gli occhioni da furetto di Tom Hardy non aiutano) ma ciò non mi ha evitato le 2 ore di mani nei capelli dall’estasi.

  • Avion

    Ma dici il Max che va da solo incontro a un simil tank, lo fa esplodere e torna coperto di proiettili e sangue non suo come se fosse, appunto, andato al cesso? A me un po’ Mad lo sembra.
    Oltre al fatto che, senza di lui, gli altri personaggi farebbero una mala fine dopo neanche un’ora di film.

  • Achille Emmollo

    sopravviverò fino all’uscita del rip in fullHD, apocalisse permettendo, scatenata dai prodi Nuland & Breedlove su mandato del pagliaccio abbronzato.
    fosse per me ormai potrebbero finire tutti a far la fame, come nel film.

  • Rockmaninov

    No Mel, no Mad at all !!!
    PERIOD !!!!!!!!

  • Massimo Uncoolkid Pasqualon

    visto ieri sera al cinema, aspetto il director’s cut senza i 15 minuti nel deserto con le nonne

  • Mi aspettavo una review demolitrice in prosa come le precedenti. Invece hai fatto un’analisi da fanboy educato e attento. Quoto ogni songola parola.

  • Giusto per paraculare, faccio l’avvocato del diavolo di Tommaso Duro dicendo che più che colpa della sua recitazione (che come figura ci sta tutta, oltre che per la costante magia che lo contraddistingue di recitare sempre con attori più alti di lui, pure la Theron, e sembrare più grosso) è che Miller ha scritto un Max alla Riddick.

    Uno che si fa i cazzi suoi, finisce nella merda, fa comunella con i suoi compagni di sventura perchè non ce n’erano altri, gli usa ma mette anche le sue skills a disposizione, sconfiggono i cattivi e poi chi s’è visto s’è visto.

    E soprattutto, come per Riddick, la patata è un optional.

  • Pietro Girelli

    Sottoscrivo tutto tranne la valutazione di Hardy: schiacciato tra il duro confronto con Gibson e la migliore interpretazione di Charlize Theron di sempre, superiore persino al lavoro fatto per monster, lui s’inventa il personaggio da zero e gli ritaglia lo spazio necessario per fare cio che deve: sopravvivere; gli sguardi di furiosa devono avere un interlocutore e Hardy regge bene tutto il peso di quegli sguardi; non è il migliore ma almeno recita e porta a casa il risultato

    • pizzahut

      Ma solo a me hardy ricorda un po’ Aldo di Aldo, Giovanni e Giacomo?

  • Emanuele (by PD)

    hardy e’ un ottimo attore, non ho visto il film ma sono sicuro che sia stato all’altezza della theron.

  • Knicks fan

    Nessuno mi aveva avvertito che nel film c’è quel gran topone di Megan Gale

  • Emanuele (by PD)

    per la prima volta non condivido la recensione, film delundente. Sembra una puntata dell’a-team

    • Harry Deekolo

      Not sure if trolling or non hai capito un cazzo. In ogni caso, spero PD stia per PORCODIO, altrimenti stai messo di un male…

      • Emanuele (by PD)

        stesso film con baracus al posto di hardy, smith al posto della theron, murdock al posto del rincoglionito suicida e l’esercito americano che li insegue. Se preferisci pero’ puoi fare lo stesso esercizio con Hazard.

        • Harry Deekolo

          Versione 2.0: not sure if trolling or just Mereghetti.
          E se per caso non sei un troll, ragazzo mio, vedi di darti una regolata, altrimenti anche la foto del Berlusca è troppo per te: ti ci vuole un collage tra quella di Grillo e quella di Salvini.

          • Emanuele (by PD)

            va beh, vedo che la prendi sul personale e non so perche’. Per inciso a me l’a-team piaceva

          • Harry Deekolo

            No, ma che personale: il mio è solo un sincero bisogno di capire. Posso convivere col tuo essere un troll O col tuo essere un coglione: è il dubbio che mi tormenta.

          • Emanuele (by PD)

            scaldarsi cosi’ per un film dimmerda lo ritengo una perdita di tempo. Anche mio

          • Harry Deekolo
  • Lorenzo Meulli

    Visto due giorni fa.

    Allora, mi permetto di non essere d’accordo con il giudizio su Hardy, a me non dispiaceva, anche se non era sto granché. Reggeva, anche se davanti a Furiosa è tipo nulla. Non da silurare, comunque.

    Per il resto… COSA CAZZO NON E’ STO FILM.
    Sono andato in sclero per 2 ore.

  • Alberto aka Jordi

    Cazzo , incredibile leggere una recensione quasi positiva e non perculante di un film sul blog del Nebo
    Il film cmq non lo andrò a vedere , almeno al cinema , sono troppo affezionato ai vecchi Mad Max , mi da quasi l’idea di profanarli

    • Idem, ho una venerazione per Mad Max e ci sono andato già incazzato a mostro perché non c’era Mel Gibson. Il prologo non m’ha manco entusiasmato. Dal titolo in poi, il film è un’opera d’arte. Credimi, vallo a vedere al cinema. La scena della tempesta di sabbia da sola meriterebbe i soldi del biglietto, ma il film è supremo. Merita di far parte della trilogia e te lo dice uno che di MM ha un affetto enorme. Fidati, vacci.

      • Alberto aka Jordi

        Per la tua gioia , ieri sera sono andato a vedere il film al cinema, praticamente è stato questo tuo commento particolarmente persuasivo a convincermi , dopo anni passati a ripetermi che non ci avrei messo più piede perché non davano più nulla di interessante .
        Mi è piaciuto molto , ben studiato e frenetico , praticamente senza sosta , una cosa però che non hai sottolineato nella tua recensione alla lista nei/pecche : secondo me avrebbero potuto tagliare benissimo anche le inutili visioni con la bambina scarnificata che gli compare davanti nei momenti clou , veramente fastidiosa
        Per il resto veramente un grande film

  • Ray Orellana

    Personalmente trovo questo max molto mad. Ciò nella trilogia con Gibson max è incazzato sostanzialmente, mai veramente mad infatti, sempre personalmente, non ho mai capito cosa ci fosse di mad nella interpretazione di Gibson. Era arrabbiato nel primo, nel secondo e terzo era un eroe ma mai veramente mad. Invece questo nuovo se non altro per le allucinazioni sembra più mad.